Gli Usa e le dichiarazioni su Netanyahu che imbarazzano Obama

Mondo

130320_obama_netanyahu_ap_605Relazioni sempre più tese tra Stati Uniti e Israele, al di là dell’amicizia formale. Ad innescare la polemica, un funzionario dell’amministrazione di Barack Obama, citato dal The Atlantic, mensile vicino a Washington, che ha definito Beniamin Netanyahu “un vigliacco” (in inglese “chickenshit”). Immediata la replica del leader israeliano: “Io codardo? Sono stato sul campo di battaglia numerose volte. Ho rischiato la mia vita per il Paese”.

Le dichiarazioni del funzionario
“Netanyahu non è Sharon. Lui non ha le palle”. “La cosa buona di Netanyahu è che ha paura di lanciare guerre”, ha continuato il funzionario vicino alla Casa Bianca al reporter del The Atlantic, ampliando l’iniziale definizione di “vigliacco”. “La cosa brutta è che non farà nulla per raggiungere un accordo con i palestinesi o con gli Stati arabi sunniti – continua l’informatore – l’unica cosa che gli interessa è proteggere se stesso da un’eventuale sconfitta politica. Lui non è Rabin o Sharon, e certamente non è Begin. Lui non ha le palle”.

Dure anche le dichiarazioni sull’Iran. “Due o tre anni fa poteva essere una possibilità, ma Netanyahu non è stato in grado di premere il grilletto. Ora è troppo tardi per fare qualsiasi cosa”, conclude il funzionario di Obama, sottolineando come la posizione di Netanyahu rispetto al nucleare iraniano sia una combinazione tra la pressione degli Stati Uniti e “la suaincapacità a fare qualunque cosa di rischioso”. Tant’è vero che per il funzionario Usa “il leader israeliano sta bluffando” rispetto ad una presa di posizione nei confronti dell’Iran.

La reazione di Kerry
Immediata la replica stizzita del Segretario generale John Kerry, che ha condannato “chiunque utilizzi un linguaggio simile”, aggiungendo che il commento espresso dall’anonimo ufficiale non riflettono la visione di Obama e della sua amministrazione.

“Questi sono commenti inappropriati e controproduttivi”, ha dichiarato il portavoce del National Security Council Alistair Baskey -. “Il Primo Ministro Netanyahu e il presidente hanno stretto una partnership effettiva per la quale si consultano frequentemente, incluso il mese scorso, quando il presidente ha ospitato il primo ministro nell’Ufficio Ovale”.

La polemica sul web
Intanto impazza sul web la polemica sulla dichiarazione di netanyahu vigliacco. Due immagini hanno scatenato la protesta. Nella prima Benyamin Netanyahu appare, poco più che ventenne, nella divisa di una unità scelta israeliana. È affiancato da un Barack Obama, pure ventenne, seduto su un divano, con unasigaretta in mano. “Chi è qui il vigliacco?” si domanda un lettore. Un altro utente invita a confrontare la popolarità di Obama e di Netanyahu nei rispettivi Paesi. Il primo, conclude, sta per uscire di scena, a differenza del premier israeliano. Sull’origine delle immagini circolano intanto ipotesi diverse. Potrebbero essere state divulgate proprio da un esponente politico statunitense.

Menu