La sinagoga di Manama in Bahrein

Bahrein: festeggiato il primo Bar Mizvah dopo 16 anni. Siglati nuovi accordi di cooperazione con Israele

Mondo

di Redazione
Nel fine settimana del 20 agosto si è tenuto il primo Bar Mizvah in Bahrein in 16 anni presso la Casa dei Dieci Comandamenti nella capitale Manama, la più antica e unica sinagoga operativa in un paese del Consiglio di cooperazione del Golfo (nella foto).

Il ragazzo del bar mizvah ha letto dal rotolo della Torah che l’ex consigliere anziano della Casa Bianca Jared Kushner ha commissionato in onore del re del Bahrain Hamad bin Isa Al Khalifa.

La cerimonia è stata facilitata dall’Associazione delle Comunità Ebraiche del Golfo, una rete di comunità ebraiche nei paesi del GCC dedicata allo sviluppo della vita ebraica nella regione.

Il bar mizvah faceva parte di un fine settimana di festeggiamenti per l’AGJC che è iniziato venerdì sera con una cena di Shabbat a Manama. Alla cena hanno partecipato molti diplomatici, bahreiniti e residenti di altri paesi del GCC che sono arrivati ​​in aereo per l’evento. Il fine settimana si è concluso con il gruppo che ha ospitato il primo autentico servizio di preghiera sefardita “Selichot” nel GCC.

“È un momento molto eccitante per la vita ebraica nel GCC poiché sempre più famiglie celebrano le pietre miliari ebraiche in modo più pubblico”, ha affermato il rabbino dell’AGJC Dr. Eli Abadie. “Oltre al Bar Mizvah di questo giovane, abbiamo recentemente celebrato un bat mizvah per una giovane donna in Oman, e abbiamo una serie di altri eventi del ciclo di vita ebraico che si svolgeranno prima della fine dell’anno. Questa è una prova della continua crescita della vita ebraica nella regione”.

“Il bar mizvah di questo fine settimana è stato un’occasione gioiosa per tutta la nostra comunità e auguriamo al giovane e alla sua famiglia un mazal tov”, ha dichiarato il presidente dell’AGJC Ebrahim Dawood Nonoo.

“Siamo entusiasti di condividere questo fine settimana con la più ampia comunità AGJC e i nostri amici musulmani che si sono uniti a noi per i festeggiamenti, incluso il bar mitzvah”, ha aggiunto Nonoo. “Uno dei nostri ospiti ha condiviso che questa era la sua prima volta in Bahrein, ed è venuta per una cena di Shabbat e un bar mizvah”.

Think-tank da Israele e Bahrein pianificano nuove collaborazioni

Il direttore del Derasat Insitute Hamad Ibrahim Al Abdullah del Bahrein all'incontro con l'Abba Eban Institute
Il direttore del Derasat Insitute Hamad Ibrahim Al Abdullah del Bahrein all’incontro con l’Abba Eban Institute

 

LIstituto Abba Eban per la diplomazia internazionale presso l’università privata israeliana IDC Herzliya ha firmato un memorandum d’intesa per la cooperazione con il Derasat Institute – The Bahrain Center for Strategic, International and Energy Studies. Lo riporta il sito Israel21.c.

I due think tank pianificano iniziative di cooperazione tra cui un programma di scambio congiunto di borse di studio; progetti di ricerca congiunti; condivisione di risorse; e conferenze, seminari e workshop congiunti.

Il MoU è stato firmato dall’ex ambasciatore israeliano presso le Nazioni Unite Ron Prosor, attualmente presidente dell’Abba Eban Institute; e il direttore esecutivo del Derasat Institute Hamad Ebrahim Al Abdullah.

Alla cerimonia hanno partecipato Abdulla bin Ahmed Al Khalifa, sottosegretario agli affari politici presso il Ministero degli Affari esteri del Bahrein e vice segretario generale del Consiglio supremo di difesa, e il presidente e fondatore dell’IDC Herzliya, il prof. Uriel Reichman.

Al Khalifa ha dichiarato: “Ricordo di essermi seduto sul prato sud della Casa Bianca lo scorso settembre e di aver realizzato che la storia era in divenire, quando il Regno del Bahrain decise di aderire agli Accordi di Abramo e stabilire relazioni diplomatiche con Israele. Allora non c’era niente tra i nostri paesi. Oggi abbiamo fatto molta strada e abbiamo solide basi. I valori di pace, convivenza e tolleranza religiosa sono valori che il Bahrein sostiene da secoli e che entrambi i nostri popoli condividono. Collegare le nostre facoltà, i nostri ricercatori, i nostri analisti, i nostri studenti e farli lavorare insieme farà molto per lo sviluppo delle relazioni bilaterali tra Bahrain e Israele».

Menu