Roger Pinto e il figlio, della famiglia ebraica aggredita in casa nel 2017

Antisemitismo in Francia: inizia il processo agli aggressori di una famiglia ebraica in casa

Mondo

di Redazione
È iniziato in Francia lunedì 21 giugno presso la corte d’assise di Bobigny, un sobborgo nord-orientale della capitale francese, il processo a nove persone accusate di aver sottoposto una famiglia ebraica a rapine e abusi antisemiti nella loro casa di Parigi. Tuttavia, gli avvocati dei nove insistono sul fatto che l’invasione della casa della famiglia Pinto l’8 settembre 2017 non sia stata motivata dall’antisemitismo. Lo riporta il sito Algemeiner.

L’aggressione in casa nel 2017

Il calvario della famiglia è iniziato presto quella mattina quando il loro figlio di 41 anni, David Pinto (a sinistra nella foto, con il padre Roger), si è svegliato per scoprire che l’elettricità non funzionava nella casa di famiglia nel quartiere Livry-Gargan di Parigi. Sceso nel seminterrato per controllare il contatore elettrico, David ha aperto una porta che ha permesso a tre assalitori, che avevano teso una trappola tagliando l’alimentazione elettrica, di entrare con la forza in casa.

Dopo aver imbavagliato David, i tre uomini lo hanno trascinato al primo piano della casa di famiglia. Lì, hanno incontrato sua madre, Mireille, all’epoca di 73 anni, che è riuscita ad allertare suo marito – Roger, allora 83enne – prima che anche lei fosse afferrata dalla banda. Mireille ha detto di essere stata “presa e imbavagliata” dai tre uomini.

“Mentre lottavo, il primo uomo mi ha buttato a terra”, ha ricordato in seguito la signora Pinto. “Mi ha colpito. Pensavo davvero che volesse violentarmi. Il secondo mi ha preso a calci».

La banda ha anche attaccato Roger Pinto, picchiandolo fino a renderlo incosciente. Il signor Pinto ha detto che quando ha ripreso conoscenza, ha sentito uno dei membri della banda dirgli: “Sei ebreo, sappiamo che gli ebrei hanno molti soldi e tu ci darai quello che hai. Se non ci dai quello che ti chiediamo, ti uccideremo».

Roger Pinto ha continuato: “I tre uomini avevano un cacciavite e un coltello, con cui ci minacciavano costantemente. Hanno minacciato di ucciderci. Era insopportabile. Questi teppisti hanno preso le nostre carte di credito, tutti i beni che avevamo, i gioielli di mia moglie”.

La famiglia Pinto è stata legata e rinchiusa in una stanza mentre la banda compiva la rapina, che comprendeva diverse migliaia di euro in contanti. Dopo diverse ore, Mireille Pinto è riuscita a chiamare i servizi di emergenza utilizzando il telefono di David. “Per noi è stata davvero un’eternità”, ha detto. “È stato un evento molto traumatico”.

Il palazzo di Giustizia di Bobigny
Il palazzo di Giustizia di Bobigny dove è in corso il processo agli aggressori

Il mito degli ebrei ricchi, un antisemitismo sempre più diffuso

Tra le mutazioni dell’antisemitismo che gli ebrei francesi hanno dovuto affrontare negli ultimi anni c’è il mito che gli ebrei siano una comunità insolitamente ricca con l’abitudine diffusa di tenere contanti e oggetti di valore costosi nelle loro case. Nel 2014 una giovane coppia ebrea nel sobborgo di Creteil è stata oggetto di una violenta rapina, durante la quale la donna è stata violentata, motivata dalla stessa convinzione. Più di recente, nel 2018, Mireille Knoll, una sopravvissuta all’Olocausto di 85 anni, è stata trovata ustionata e con più coltellate nel suo appartamento di Parigi dopo essere stata derubata da due uomini che l’hanno presa di mira perché ebrea.

Gli avvocati dei nove imputati nel caso Pinto – i tre assalitori e altre sei persone che li hanno assistiti con la merce rubata – hanno sostenuto che l’antisemitismo non era un fattore motivante. Hanno affermato che gli imputati avevano individuato Mireille Pinto poche settimane prima della rapina, descrivendola come una “signora chic con bei gioielli” che avevano seguito a casa sua. Almeno un imputato ha affermato di non essere “a conoscenza” del fatto che le sue vittime fossero ebree. “I fatti non sono stati commessi a causa della religione delle vittime”, ha dichiarato uno dei loro legali, Margot Pugliese.

Al momento dell’attacco nel 2017, l’allora ministro degli Interni francese, Gérard Collomb, era fermamente convinto che l’attacco ai Pintos fosse “un’aggressione efferata direttamente collegata alla religione delle vittime”. Marc Bensimhon, un avvocato dei Pintos, ha sostenuto lunedì che non c’era motivo di cambiare tale valutazione.

“La famiglia Pinto è stata aggredita perché è una famiglia ebrea”, ha detto Bensimhon. “Gli aggressori hanno detto loro: ‘Sei ebreo, quindi hai soldi.'”

Prima dell’assalto, la famiglia era ben nota tra gli ebrei parigini per il loro coinvolgimento attivo nella comunità, con Roger Pinto che fungeva da presidente di Siona, un’associazione pro-Israele. Sulla scia dell’attacco, però, i Pinto si allontanarono dal distretto di Livry-Gargan dove vivevano da trent’anni. Mireille Pinto è stata gravemente traumatizzata dall’attacco e non si è ripresa dai suoi effetti quattro anni dopo, mentre a Roger Pinto è stato successivamente diagnosticato un cancro.

Le attese della comunità ebraica dopo l’Affaire Sarah Halimi

Il processo dei nove imputati durerà nove giorni. Sarà seguita con attenzione da una comunità ebraica francese ancora ferita dalla decisione della più alta corte del paese ad aprile di esonerare dal processo l’accusato assassino antisemita di Sarah Halimi, una donna ebrea brutalmente uccisa nel suo appartamento di Parigi nell’aprile 2017, per motivi che l’assunzione di cannabis da parte dell’autore lo aveva reso temporaneamente pazzo e quindi non penalmente responsabile.

 

Menu