Giovani ebrei: “l’Italia si rifiuti di ospitare i funerali del nazista Priebke”

Italia

“La tradizione ebraica insegna che di fronte alla morte di un uomo non ci si allegra mai, a bisogna invece riflettere sulle gravi responsabilità di ognuno davanti a D-o e agli uomini. E’ per questo motivo che – afferma Alessandra Ortona, presidente UGEI – in linea con la decisione assunta dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, abbiamo preferito rimanere in silenzio di fronte alla morte del criminale nazista Priebke. Non avremmo potuto però – continua – rimanere inermi di fronte al testamento che Priebke ha lasciato ai posteri e alla possibilità che un tale assassino venga seppellito in Italia, a Roma.
Il nostro Paese e le istituzioni che ne hanno facoltà – prosegue – non possono permettere che il corpo di chi con tanta brutalità ha preso parte all’uccisione di 335 italiani senza mai pentirsene, trovi sepoltura sotto la stessa terra che è stata testimone delle atrocità da lui commesse. Da italiani e da ebrei, non potremmo considerarlo altro se non un terribile insulto alla memoria delle vittime di quella barbarie. Non da ultimo – continua Ortona – va con tutte le forze evitato di fornire ai suoi ammiratori un ulteriore motivo di celebrazione dell’individuo e di creazione di un luogo di venerazione. Ci appelliamo quindi alle istituzioni – conlcude la nota – affinchè sia trasmesso coi fatti a tutti gli italiani, ed in particolare alle nuove generazioni, il messaggio civile e culturale che il nostro paese si rifiuta di ospitare il corpo di un simile assassino.”

Menu