La nazionale israeliana di calcio nel 2014

Uefa: no ai diritti del calcio alla tv israeliana per europei e mondiali se trasmessi nei “territori occupati”

Israele

di Redazione
L’emittente nazionale israeliana è sul punto di perdere i diritti per trasmettere i giochi di calcio della Coppa del Mondo e di Euro 2020 a causa di un impasse sulla trasmissione agli israeliani che vivono negli insediamenti della Cisgiordania e Gerusalemme Est.

Secondo quanto riferito da Yedioth Ahronoth, l’emittente nazionale Kan avrebbe offerto 5 milioni di euro (5,8 milioni di dollari) per i diritti di mostrare le partite di Israele all’inizio delle due competizioni internazionali di calcio. L’offerta è stata condotta da una società statunitense, CAA11. Il contratto con l’Unione delle federazioni calcistiche europee (UEFA), tuttavia, afferma che Kan può solo trasmettere le partite all’interno della cosiddetta Linea Verde, e non in quello che la UEFA definisce “i territori palestinesi”. Questa condizione significherebbe che Israele i cittadini che vivono negli insediamenti o a Gerusalemme est non sarebbero in grado di guardare le partite – una condizione inaccettabile per Kan, ha riferito Yedioth. Fonti di Kan hanno detto a Yedioth che una compagnia del Qatar ha acquistato i diritti per trasmettere le partite in Medio Oriente e Nord Africa, che include “i territori palestinesi”.

Kan, che aveva programmato di mostrare le partite con il commento ebraico su Canale 11 e con il commento arabo sul canale 33, si è offerto di trasmettere solo le partite usando la tecnologia israeliana via cavo e via satellite e di assicurarsi che non fossero disponibili per coloro che non sono residenti di Israele. È così che Kan trasmise l’ultima Coppa del Mondo a tutti i cittadini e residenti israeliani sia in ebraico che in arabo. Tuttavia, l’offerta è stata condotta da un’azienda europea. Finora CAA11 si è rifiutato di cambiare idea.

Kan ha sottolineato alla società americana che ha l’obbligo di rendere disponibili i giochi a tutti gli israeliani. “L’ente radiotelegrafista firmerà un contratto che gli consentirà di trasmettere a tutti i cittadini israeliani sia in ebraico che in arabo, indipendentemente dal luogo in cui vivono”, ha sottolineato Kan alla UEFA, secondo il rapporto.

Se non ci sono progressi tra le due parti, Kan non sarà in grado di trasmettere i giochi, e saranno disponibili solo per coloro che si abbonano ai canali via cavo e via satellite.

Menu