Israele, un’esperienza da fare “almeno una volta nella vita”

Israele

di Naomi Stern

israeleAlmeno una volta nella vita”. Questo è il pay off della nuova campagna di comunicazione per il turismo israeliano che è stata presentata giovedì 29 gennaio al Touring Club di Milano. A realizzarla è ancora una volta Hi! Comunicazione di Emilio Haimann, agenzia che ormai da anni segue l’Ufficio del Turismo Israeliano

A fare gli onori di casa Franco Iseppi, presidente del Touring Club Italiano, che ha dichiarato di essere entusiasta di poter ospitare nella sua “Casa dei Viaggiatori”, di cui ogni mattone costituisce l’espressione di un viaggiatore, un evento così importante.

Avital Kotzer Adari, direttrice da pochissimi mesi dell’Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo a Milano, raggiante ed emozionatissima, ha presentato il nuovo piano pubblicitario. “Noi poniamo Israele nella veste di una destinazione che in tanti sognano di visitare almeno una volta nella vita – ha dichiarato alla presentazione della campagna il 29 gennaio -. Ma ovviamente anche di più! Israele ha da offrire tutto ciò che gli italiani vogliono: sport, cultura, storia. Abbiamo la spiritualità della parte religiosa ma anche la moda, l’arte e il design. Non a caso, tra poche settimane ci sarà la Tel Aviv Fashion Week e saranno presenti le maggiori maison italiane. Proprio perché gli italiani sono sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, vogliono conoscere meglio la cultura e il cibo, posso tranquillamente dire che noi siamo la destinazione perfetta. Sempre più italiani devono andare in Israele! Abbiamo sempre qualcosa da offrire”.

All’interno della nuova campagna si sono volute toccare le corde del sentimento, il cuore e la mente di un pubblico ampio e orizzontale. Dopo un lavoro sul binomio “bellezza ed energia”, si sono scelte tre immagini chiave che sintetizzano a pieno i molteplici aspetti che una destinazione come Israele può regalare.
La prima è quella del Mar Morto: l’eccellenza di Israele. Una SPA a cielo aperto, in cui spirito e corpo si rigenerano in perfetta simbiosi. La vita e il relax che un bagno nel Mar Morto possono regalare sono unici al mondo.
C’è poi ovviamente Tel Aviv, la grande arancia del Medio Oriente. Patria di innovazioni e start-up. Una città che non si ferma mai: energia, divertimento, emozioni per chi si sente sempre giovane nello spirito.
E poi Gerusalemme “la Bella”, che emoziona con i colori del tramonto sulla Città Antica. Spiritualità, storia, cultura e archeologia. Non manca nulla per una città che regala emozioni e sentimenti indimenticabili.

Tutto si coniuga perfettamente con i colori del nuovo logo che Israele ha scelto, colori che fanno da sfondo alle tre differenti creatività: il verde, il giallo, l’azzurro e il rosa.

Franco Iseppi, presidente del Touring, ha voluto specificare che “il viaggiatore a cui ci rivolgiamo oggi è un viaggiatore moderno, è un costruttore di cultura. L’Italia è un Paese fortemente alla ricerca della propria identità: la solo strada che abbiamo a disposizione per collocarci all’interno di un mondo in continua espansione e il solo modo per non essere condizionati dagli eventi esterni. Questo è un tema molto importante per l’Italia. Personalmente credo che la cosa più bella della serata sia l’idea che se esiste un paese dove la ricerca constante di identità viene vista come un valore complessivo di riferimento, quel paese è sicuramente Israele. E qui viene la vostra parte! Siete voi. Benvenuti! Noi siamo interessati a occuparci di viaggi con un profondo significato culturale. Il nostro è un contributo per la pace nel mondo. Ora le religioni possono diventare un tramite fondamentale non solo per guerre, ma anche per pace”.

Prima dei ringraziamenti a tutti coloro che hanno permesso la nascita di questa campagna pubblicitaria – e in primis a Emilio Haimann di HI! Comunicazione – , è stato trasmesso il frutto di tanto lavoro all’interno di un video di 30 secondi (visibile online anche in versione ridotta di 20 secondi). Un video emozionante, che alterna le immagini più belle del payoff “Almeno una volta nella vita!” e che termina con un claim che già da solo è un invito a camminare nella storia: “Israele, la Terra della Creazione”.

La presentazione si è conclusa con un cocktail dai sapori israeliani preparato da Re Salomone e da omaggi cosmetici di Ahava, partner della serata.

Menu