I veterani IDF sulle Dolomiti per riabilitare i disabili

Israele

di Paolo Castellano

idf-dolomitiEsiste una barriera aldilà della quale o ci si indebolisce o ci si rafforza. Come nel caso di terribili incidenti fisici è molto difficile reintegrarsi nelle nostre società dove anche il difetto fisico viene rifiutato nel nome di un canone di perfezione dietro a cui potrebbe celarsi una sorta di timore verso la vita. I disabili tuttavia necessitano di attenzione e di adatte infrastrutture per ottenere quella normalità strappata.

Esiste un’organizzazione israeliana che prende per mano gli uomini e le donne che si trovano in queste condizioni. La Erez Foundation, un ente no-profit, è gestita da un gruppo di soldati veterani dell’IDF (l’esercito israeliano) che si occupa di aiutare  gli invalidi nel processo di riabilitazione.

Il percorso che questa organizzazione offre è ispirato ad un rigoroso programma militare: chi accetta di partecipare deve essere “estremamente motivato e pervaso da una forte passione”. È la principale e fondamentale regola.

Il training si svolge sia in Israele che in Europa. Quest’anno gli istruttori hanno scelto un luogo italiano per i loro allievi e infatti la preparazione d’aprile si è svolta sulle Dolomiti.

A Canazei, i para-atleti hanno avuto la fortuna di compiere alcuni esercizi di riabilitazione facendo degli sport invernali come lo sci e lo snowboard attraverso speciali apparecchiature. L’emozione degli sportivi paraplegici e amputati è stata ben documentata dalle istantanee della giornalista Marissa Newman che ha raccolto le testimonianze dei partecipanti in un reportage pubblicato il 13 aprile sul The Times of Israel.

Una delle storie trascritte vede come protagonista Tzippi Bloomberg, una giovane di 29 anni, che nel 2001, all’età di 15 anni, perse un genitore e rimase gravemente ferita alla schiena in un attacco terroristico: un attentatore palestinese aprì il fuoco contro l’auto di famiglia nei pressi di Karnei Shomron, vicino alla Cisgiordania, uccidendo la madre Techiya. Il padre invece si salvò e , come lei, fu immobilizzato su una sedia a rotelle.

Tzippi però dalla sua carrozzella modificata per praticare sport sulla neve non si è sentita affatto in svantaggio: «Si cade e si cade e si cade. Poi, improvvisamente si riesce a farlo. E quando si ottiene questo risultato, è incredibile».

L’Erez Foundation è nata nel 1999 grazie al contributo di  Shimon Pariente, comandante di unità alpina d’élite dell’IDF sul monte Hermon. Come ha spiegato il direttore della fondazione, Eyal Yarimi, il progetto può stare in piedi solo grazie alle donazioni e agli sforzi di alcune aziende che coprono i costi delle attrezzature, della formazione, dei costi d’ufficio e della pubblicità.

@castelPao

Menu