Divieto d’ingresso a chi boicotta l’esistenza di Israele

Israele

di Paolo Castellano

bdsIl 6 marzo la Knesset (il parlamento israeliano) ha approvato un progetto di legge nella sua terza e finale revisione che permetterà al Ministro degli Interni di vietare l’ingresso a chi supporta il boicottaggio di Israele.

Come riporta il Jerusalem Post, la misura dà al Ministro degli interni il potere di rifiutare l’emissione dei visti ai cittadini non israeliani che fanno parte dei gruppi che finanziano e sostengono il movimento BDS o che hanno pubblicamente supportato il boicottaggio di Israele.

Il presidente della commissione interna della Knesset, David Amsalem (Likud) ha presentato il progetto di legge e ha detto che questa legge sarebbe stata recepita come qualcosa di ovvio.

«Se qualcuno mi diffama, io non gli permetto di entrare a casa mia – egli ha detto – se qualcuno ci insulta, noi rispondiamo; questa legge è elementare».

Amselm ha aggiunto che egli non è contro la legittima critica e che questa legge vuole affrontare le situazioni intollerabili. «Loro non stanno dicendo di boicottare solo gli insediamenti; loro stanno mettendo in dubbio l’esistenza dello Stato in quanto Stato, senza nessuna distinzione. In questo caso parliamo di antisemitismo», egli ha specificato.

Dopo l’approvazione del progetto di legge, il parlamentare Bezalel Smotrich (Bayit Yehudi), uno degli ideatori della proposta legislativa, ha detto che la norma riflette la volontà dello stato di combattere i suoi nemici.

«Porgere l’altra guancia – egli ha detto – non serve più. Negli ultimi anni, un nuovo fronte antisemita ha iniziato a minacciare l’esistenza d’Israele.

I nostri nemici attuano una campagna per delegittimare e boicottare Israele. Il divieto ai supporter del BDS che vengono qui solo per insultarci, è il minimo che possiamo fare contro questi odiatori anti-israeliani».

Il parlamentare Zouheir Bahloul (Unione sionisti) ha affermato che la legge è parte di una competizione nella destra israeliana per vedere “chi è più estremista”.

«Invece di combattere per preservare la democrazia israeliana, Amsalem è stato ispirato da un regime oscuro, come la passata Unione Sovietica, e ha chiesto di marchiare tutti quelli che sono in disaccordo  con il governo», ha detto Bahloul. «Lo stato di Israele crea con le proprie mani gli argomenti per gli attivisti del BDS e io chiedo uno stop a questa follia che questa coalizione di destra sta portando in parlamento»

Il parlamentare Ayman Odeh (Joint List) ha detto di aver incontrato, durante il suo ultimo viaggio negli Stati Uniti, gli ebrei americani che supportano il boicottaggio degli insediamenti e ha affermato che questi sono contro l’occupazione e non contro lo Stato.

«Sono anche io contro l’occupazione e il boicottaggio degli insediamenti, che sono un crimine di guerra e un atto di espropriazione delle terre private del popolo palestinese. In questo modo dire che le persone  non possono entrare perché supportano il boicottaggio degli insediamenti servirà solo a rafforzare l’esclusione di Israele da tutto il mondo».

Menu