Tel Aviv: apre il pop-up hotel 'The lifeguard tower'

Di: 

Nathan Greppi

20/03/2017

 

lifeguard-hotel

Nel nostro paese, molti si ricorderanno di quando Flavio Briatore espresse il suo disprezzo per i piccoli alberghi e le bellezze naturali della Puglia, affermando che “i ricchi vogliono lusso e divertimento”, e suscitando numerose polemiche. Tuttavia, in Israele è stato recentemente dimostrato che, se ci si impegna, lusso e piccole cose posso anche convivere, se messe in equilibrio.

Martedì 14 marzo, a Tel Aviv, è stato infatti inaugurato il Lifeguard Tower, un pop-up hotel unico nel suo genere e concepito all’interno di un’iconica torretta di guardia di un bagnino. Il progetto è nato in seno a una campagna internazionale portata avanti dal Ministero del Turismo israeliano e dal comune di Tel Aviv-Giaffa. L’hotel, situato sulla spiaggia di Frishman Beach, è stato inaugurato dal sindaco di Tel Aviv Ron Huldai e dal direttore generale del Ministro del Turismo Israeliano Amir Halevi.

Negli ultimi mesi, sotto la direzione dello street artist Edgar Rafael e della designer Aline Langlieb, parte della catena Brown Hotels Urban Collection, la torretta è stata trasformata in una suite d’albergo unica al mondo, con vista sull’oceano e servizi di lusso: doccia benessere, maggiordomo personale, prima colazione e servizio in camera.

“Il carattere creativo e lo spirito innovativo della città di Tel Aviv-Giaffa si esprimono anche nel campo del turismo” afferma il sindaco Huldai. “Aprire pop-up hotel nella torretta del bagnino significa offrire un’opportunità fuori dall’ordinario per vivere la città e la nostra meravigliosa spiaggia. Sono certo che gli ospiti della torretta condivideranno la loro esperienza con i loro amici in tutto il mondo.”

“Negli ultimi anni, il Ministero del Turismo ha speso molte energie in termini di strategie di vendita e oggi ci rivolgiamo a nuove nicchie di mercato con idee molto creative, avendo appreso sul campo che la creatività è un fattore determinante nel mondo del marketing.” Queste le parole del ministro Halevi, che ha continuato affermando che “Grazie agli investimenti del Ministero del Turismo e al clima ottimale che Israele offre durante tutto l’anno, notiamo un grande interesse nei confronti di questa operazione: basti pensare che ha raccolto più di 300 milioni di visualizzazioni e più di un milione di clic dal suo debutto. Il progetto è parte della campagna Two Cities One Break, che incoraggia il turismo a Tel Aviv e Gerusalemme, sulla cui scia continueremo la comunicazione nel rispetto delle politiche e dei budget che il ministro del Turismo Levin ha assicurato.”

Fino al 4 aprile, la suite d’albergo ospiterà i vincitori del concorso internazionale creato in collaborazione con il sito Hotels.com. Ai partecipanti è stato chiesto di caricare una foto di sé stessi sullo sfondo della loro città con indosso abbigliamento e attrezzatura da spiaggia che avrebbero portato con sé in Israele, e un cartello con la scritta #TAKEME2TELAVIV. I vincitori voleranno nel paese per una vacanza di quattro giorni e tre notti, pernottando nella torretta per la prima notte e in un altro hotel del gruppo Brown per le altre due.

lifeguard-hotel2

L’interno dell’hotel nella cabina del bagnino

 

Guarda gli altri articoli di In primo piano

I commenti sono chiusi.