una parashà

Parashat Vaetchannan. Un popolo piccolo chiamato alla grandezza

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Sepolta in modo poco appariscente nella parashà di questa settimana c’è una breve frase con un potenziale esplosivo, che ci fa ripensare sia alla natura della storia ebraica che al compito ebraico nel presente.

Mosè aveva ricordato alla nuova generazione, ai figli di coloro che avevano lasciato l’Egitto, la straordinaria storia di cui sono eredi:

È mai successo qualcosa di così eccezionale o si è mai sentito parlare di qualcosa di simile? Altre persone hanno sentito la voce di Dio che parla dal fuoco, come te, e hanno vissuto? Ha mai tentato un dio di prendere per sé una nazione da un’altra nazione, con prove, segni e prodigi, con la guerra, con mano potente e braccio teso, o con opere grandi e tremende, come tutte le cose che il Signore tuo Dio ha fatto per te in Egitto sotto i tuoi stessi occhi? (Deuteronomio 4:32-34)

Gli Israeliti non hanno ancora attraversato il Giordano. Non hanno ancora iniziato la loro vita come nazione sovrana nella loro stessa terra. Eppure Mosè è sicuro, con una certezza che poteva essere solo profetica, che erano un popolo come nessun altro. Quello che è successo a loro è unico. Erano e sono una nazione chiamata alla grandezza.

Mosè ricorda loro la grande Rivelazione sul monte Sinai. Ricorda i Dieci Comandamenti. Trasmette il più famoso di tutti i riassunti della fede ebraica: “Ascolta, Israele: il Signore nostro Dio, il Signore è uno”. (Deut. 6:4) Egli impartisce il più maestoso di tutti i comandi: “Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima e con tutta la tua forza”. (Deut. 6:5) Per due volte dice alle persone di insegnare queste cose ai loro figli. Dà loro la loro missione eterna come nazione: “Voi siete un popolo consacrato al Signore Dio vostro. Il Signore tuo Dio ti ha scelto tra tutti i popoli sulla faccia della terra per essere il suo popolo, il suo tesoro». (Deut. 7:6)

Poi dice questo:

Il Signore non ha riposto su di te il suo affetto e non ti ha scelto perché eri più numeroso degli altri popoli, ma perché sei il più piccolo di tutti i popoli. (Deuteronomio 7:7)

Il più piccolo numero di tutti i popoli? Che ne è stato di tutte le promesse di Bereshit, che i figli di Abramo sarebbero stati numerosi, innumerevoli, tanti quanto le stelle del cielo, la polvere della terra e i granelli di sabbia in riva al mare? Che dire della stessa dichiarazione di Mosè all’inizio di Devarim?
“Il Signore tuo Dio ha moltiplicato i vostri numeri, tanto che oggi siete numerosi come le stelle del cielo” (Dt 1,10)

La risposta semplice è questa. Gli israeliti erano davvero numerosi rispetto a quello che erano una volta. Mosè stesso si esprime così nella parashà della prossima settimana: “I tuoi padri che scesero in Egitto erano settanta in tutto, e ora il Signore tuo Dio ti ha reso numeroso come le stelle del cielo” (Dt 10,22). Un tempo erano un’unica famiglia, Abramo, Sara e i loro discendenti, e ora sono diventati una nazione di dodici tribù.

Ma – e questo è l’osservazione di Mosè adesso– rispetto ad altre nazioni, erano ancora piccole. “Quando il Signore tuo Dio ti avrà introdotto nel paese in cui entri per prenderne possesso e ne scaccerà davanti a te molte nazioni: gli Hittei, i Ghirgasei, gli Amorei, i Cananei, i Ferezei, gli Hivvei e i Gebusei, sette nazioni più grandi e più forti di te…” (Deut. 7:1). In altre parole, gli israeliti erano più piccoli dei grandi imperi del mondo antico. Erano più piccoli anche delle altre nazioni della regione. Rispetto alle loro origini erano cresciute in maniera esponenziale, ma rispetto a quelle vicine restavano minuscole.

Mosè poi dice loro cosa significa:
Potreste dire a voi stessi: “Queste nazioni sono più forti di noi. Come possiamo cacciarli via?” Ma non aver paura di loro; ricorda bene ciò che il Signore tuo Dio ha fatto al Faraone e a tutto l’Egitto. (Deuteronomio 7:17-18)

Israele sarebbe la più piccola delle nazioni per una ragione che va al cuore della sua esistenza come nazione. Mostreranno al mondo che un popolo non deve essere grande per essere grande. Non deve essere numeroso per sconfiggere i suoi nemici. La storia unica di Israele mostrerà che, nelle parole del profeta Zaccaria (4:6), “‘Non per forza né per potenza, ma per il mio spirito’, dice il Signore Onnipotente”.

Israele di per sé sarebbe testimone di qualcosa di più grande di se stesso. Come ha affermato l’ex filosofo marxista Nicolay Berdyaev: “Ricordo come l’interpretazione materialistica della storia, quando tentai in gioventù di verificarla applicandola ai destini dei popoli, si ruppe nel caso degli ebrei, dove il destino sembrava assolutamente inesplicabile dal punto di vista materialistico…La sua sopravvivenza è un fenomeno misterioso e meraviglioso che dimostra che la vita di questo popolo è governata da una predeterminazione speciale, che trascende i processi di adattamento esposti dall’interpretazione materialistica della storia. La sopravvivenza degli ebrei, la loro resistenza alla distruzione, la loro sopportazione in condizioni assolutamente peculiari e il ruolo fatidico da loro svolto nella storia: tutto ciò indica i fondamenti particolari e misteriosi del loro destino.

La dichiarazione di Mosè ha enormi implicazioni per l’identità ebraica… Gli ebrei hanno avuto un’influenza sproporzionata rispetto al loro numero perché siamo tutti chiamati ad essere leader, ad assumerci la responsabilità, a contribuire, a fare la differenza nella vita degli altri, portare la Presenza Divina nel mondo. Proprio perché siamo piccoli, ciascuno di noi è chiamato alla grandezza.

Y. Agnon (1888-1970 scrittore poeta israeliano), il grande scrittore ebreo, compose una preghiera per accompagnare il Kaddish del dolente. Ha notato che i figli di Israele sono sempre stati pochi di numero rispetto ad altre nazioni. Ha poi detto che quando un monarca regna su una vasta popolazione, non si accorgono quando un individuo muore, perché ci sono altri che prendono il loro posto. “Ma il nostro Re, il Re dei re, il Santo, sia benedetto… ci ha scelti, e non perché siamo una grande nazione, ma perché siamo una delle nazioni più piccole. Siamo pochi, e per l’amore con cui Egli ci ama, ciascuno di noi è per Lui un’intera legione. Non ha molti sostituti per noi. Se manca uno di noi, il Cielo lo perdoni, allora le forze del Re sono diminuite, con la conseguenza che il suo regno è, per così dire, indebolito. Una delle sue legioni è andata via e la sua grandezza è diminuita. Per questo è nostra abitudine recitare il Kaddish quando muore un ebreo».

Margaret Mead (1901-1978 antropologa statunitense) una volta disse: “Non dubitare mai che un piccolo gruppo di cittadini premurosi e impegnati possa cambiare il mondo. In effetti, è l’unica cosa che abbia mai avuto.” Gandhi ha detto: “Un piccolo corpo di spiriti determinati, animati da una fede inestinguibile nella loro missione, può alterare il corso della storia”. Questa deve essere la nostra fede come ebrei.

Potremmo essere il più piccolo di tutti i popoli, ma quando ascoltiamo la chiamata di Dio, abbiamo la capacità, provata molte volte nel nostro passato, di riparare e trasformare il mondo.

Di rav Jonathan Sacks

Menu