Isacco benedice Giacobbe Josè de Ribera, “Isacco benedice Giacobbe”, 1637)

Parashat Toledot. Sbagliando si impara

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò

Giacobbe aveva ragione a prendere la benedizione di Esaù sotto mentite spoglie? Aveva fatto bene a ingannare suo padre e a prendere da suo fratello la benedizione che Isacco cercò di dargli? Rebecca aveva ragione nel concepire il suo piano in primo luogo e nell’incoraggiare Giacobbe a realizzarlo? Queste sono domande fondamentali. La posta in gioco non è solo l’interpretazione biblica, ma la vita morale stessa. Il modo in cui leggiamo un testo modella il tipo di persona che diventiamo.

Ecco un modo di interpretare la narrazione. Rebecca aveva ragione a proporre quello che ha fatto e Jacov aveva ragione a farlo. Rebecca sapeva che sarebbe stato Giacobbe, non Esaù, che avrebbe continuato l’alleanza e portato la missione di Abramo nel futuro. Lo sapeva per due motivi distinti. Prima lo aveva sentito da Dio stesso, nell’oracolo che aveva ricevuto prima che nascessero i gemelli: “Due nazioni sono nel tuo grembo, e due popoli dentro di te saranno separati; un popolo sarà più forte dell’altro, e il maggiore servirà il minore”.(Gen. 25:23)
Esaù era il maggiore, Giacobbe il minore. Perciò sarebbe stato Giacobbe che sarebbe uscito con maggiore forza, lui che era stato scelto da Dio.

In secondo luogo, aveva visto crescere i gemelli. Sapeva che Esaù era un cacciatore, un uomo violento. Aveva visto che era impetuoso, volubile, un uomo d’impulso, non riflessivo calmo. Lo aveva visto vendere il suo diritto di primogenitura per una scodella di zuppa. Aveva guardato mentre “mangiava, beveva, si alzava e se ne andava. So che Esaù disprezzava il suo diritto di primogenitura ”(Gen. 25:34). Nessuno che disprezza il suo diritto di nascita può essere il custode fidato di un patto destinato all’eternità.

Terzo, poco prima dell’episodio della benedizione leggiamo: “Quando Esaù aveva quarant’anni, sposò Giuditta, figlia di Beeri l’Hittita, e anche Basemat, figlia di Elon l’Hittita. Erano fonte di dolore per Isacco e Rebecca. (Gen. 26:34) Anche questa era la prova dell’incapacità di Esaù di comprendere ciò che il patto richiedeva. Sposando donne hittite si dimostrò indifferente sia ai sentimenti dei suoi genitori, sia all’autocontrollo nella scelta del coniuge che era essenziale per essere l’erede di Abramo.

La benedizione doveva andare a Giacobbe. Se tu avessi due figli, uno indifferente all’arte, l’altro amante dell’arte ed esteta, a chi lasceresti il ​​Rembrandt che fa parte del patrimonio di famiglia da generazioni? E se Isacco non capiva la vera natura dei suoi figli, se era “cieco” non solo fisicamente ma anche psicologicamente, non sarebbe forse necessario ingannarlo? Era ormai vecchio, e se Rebecca nei primi anni non era riuscita a fargli vedere la vera natura dei loro figli, era probabile che potesse farlo adesso?

Dopotutto, non era solo una questione di rapporti all’interno della famiglia. Si trattava di Dio, del destino e della vocazione spirituale. Riguardava il futuro di un intero popolo, poiché Dio aveva ripetutamente detto ad Abramo che sarebbe stato l’antenato di una grande nazione che sarebbe stata una benedizione per l’umanità nel suo insieme. E se Rebecca aveva ragione, allora Jacov aveva fatto bene a seguire le sue istruzioni.

Questa era la donna che il servo di Abramo aveva scelto come moglie del figlio del suo padrone, perché era buona, perché al pozzo aveva dato l’acqua a un estraneo e anche ai suoi cammelli. Rebecca non era Lady Macbeth, che agiva per favoritismo o ambizione. Era l’incarnazione della gentilezza amorevole. E se non aveva altro modo di assicurarsi che la benedizione andasse a chi l’avrebbe amata e l’avrebbe vissuta, allora in questo caso il fine giustificava i mezzi. Questo è un modo di leggere la storia ed è ripreso da molti commentatori.

Un’altra possibile lettura

Tuttavia non è l’unico modo. Considerate, ad esempio, la scena che avvenne subito dopo che Giacobbe lasciò il padre. Esaù tornò dalla caccia e portò a Isacco il cibo che aveva richiesto. Poi leggiamo questo: Isacco tremò violentemente e disse: ‘Chi era dunque che ha cacciato quella selvaggina e me l’ha portata? L’ho mangiata poco prima che tu arrivassi e l’ho benedetto – e davvero sarà benedetto?’

Quando Esaù udì le parole di suo padre, scoppiò in un grido forte e amaro e disse a suo padre: ‘Benedici me, anche me, padre mio!’ Ma lui disse: ‘Tuo fratello è venuto con l’inganno [be-mirma] e ha preso la tua benedizione. ‘Esaù disse: ‘Non si chiama giustamente Giacobbe? Questa è la seconda volta che si approfitta di me: si è preso il mio diritto di primogenitura, e ora si è preso la mia benedizione! “Poi ha chiesto:” Non mi hai riservato alcuna benedizione?’ (Gen. 27: 33-36)

È impossibile leggere Genesi 27 – il testo così com’è senza commento – e non provare simpatia per Isacco ed Esaù piuttosto che per Rebecca e Giacobbe. La Torah è parsimoniosa nell’uso delle emozioni. È completamente silenzioso, per esempio, sui sentimenti di Abramo e Isacco mentre camminavano inOKsieme verso la prova della legatura. Frasi come “tremava violentemente” e “scoppiava con un grido forte e amaro” non possono che colpirci profondamente. Ecco un vecchio che è stato ingannato dal figlio minore, e un giovane, Esaù, che si sente defraudato di quello che era giustamente il suo. Le emozioni scatenate da questa scena rimarranno a lungo con noi.

Poi considerate le conseguenze. Jacov dovette stare lontano da casa per più di vent’anni, temendo per la vita. Ha poi subito un inganno quasi identico praticato contro di lui da Labano quando ha sostituito Lea con Rachele. Quando Giacobbe gridò: “Perché mi hai ingannato [rimitani]” Labano rispose: “Non è usanza del nostro posto mettere la figlia minore davanti alla maggiore” (Gen. 29:25-26). Non solo l’atto, ma anche le parole implicano una punizione, misura per misura. L’ “Inganno”, di cui Giacobbe accusò Labano, è la stessa parola che Isacco usò a proposito di Giacobbe. La risposta di Labano suona come un riferimento virtualmente esplicito a ciò che Jacob aveva fatto, come per dire: “Noi non facciamo nel nostro luogo, quello che tu hai appena fatto nel tuo”.

Il risultato dell’inganno di Labano portò dolore al resto della vita di Giacobbe. C’era tensione tra Leah e Rachel. C’era odio tra i loro figli. Giacobbe fu ingannato ancora una volta, questa volta dai suoi figli, quando gli portarono la veste macchiata di sangue di Giuseppe: un altro inganno di un padre da parte dei suoi figli che implicava l’uso di vestiti. Il risultato fu che Giacobbe fu privato della compagnia del suo figlio prediletto per ventidue anni proprio come Isacco lo fu di Giacobbe.

Alla domanda del Faraone quanti anni avesse, Giacobbe rispose: “Pochi e malvagi sono stati gli anni della mia vita” (Gen. 47:9). È l’unico personaggio della Torah a fare un’osservazione del genere. Difficile non leggere il testo come una precisa enunciazione del principio misura per misura: come hai fatto tu agli altri, così gli altri faranno a te. L’inganno provocò un grande dolore per tutti gli interessati, e questo persistette nella generazione successiva.

La mia lettura del testo è dunque questa. La frase nell’oracolo di Rebecca, Ve-rav ya’avod tsair (Gen. 25:23), è infatti ambigua. Può significare: “Il maggiore servirà il minore”, ma può anche significare: “Il minore servirà il maggiore”. Era ciò che la Torah chiama chiddah (Numeri 12:8), cioè una comunicazione opaca, deliberatamente ambigua. Suggeriva un conflitto in corso tra i due figli e i loro discendenti, ma non chi avrebbe vinto.

Isacco comprese appieno la natura dei suoi due figli. Amava Esaù, ma questo non lo rese cieco al fatto che Giacobbe sarebbe stato l’erede dell’alleanza. Perciò Isacco preparò due serie di benedizioni, una per Esaù, l’altra per Giacobbe. Benedisse Esaù (Gen. 27,28-29) con i doni che sentiva di apprezzare: “Dio ti dia la rugiada del cielo e le ricchezze della terra – abbondanza di grano e di vino nuovo” – cioè la ricchezza. “Possano le nazioni servirti e i popoli prostrarsi davanti a te. Sii signore dei tuoi fratelli, e possano i figli di tua madre prostrarsi a te “- cioè potenza. Queste non sono le benedizioni dell’alleanza.

Le benedizioni del patto che Dio aveva dato ad Abramo e Isacco erano completamente diverse. Parlavano di bambini e di una terra. È questa benedizione che Isacco diede poi a Giacobbe prima che uscisse di casa (Gen. 28, 3-4): “Dio onnipotente vi benedica e vi renda fecondi e vi accresca fino a diventare una comunità di popoli” – cioè figli. “Possa Egli dare a te e alla tua discendenza la benedizione data ad Abramo, affinché possiate prendere possesso del paese dove ora risiedi come straniero, il paese che Dio ha dato ad Abramo” – cioè, terra. Questa era la benedizione che Isacco aveva sempre destinato a Giacobbe. Non c’era bisogno di inganni e travestimenti.

Giacobbe alla fine arrivò a capire tutto questo, forse durante il suo incontro di lotta con l’angelo, durante la notte prima del suo incontro con Esaù dopo il loro lungo allontanamento. Ciò che accadde a quell’incontro è incomprensibile se non capiamo che Giacobbe stava restituendo a Esaù le benedizioni che gli aveva tolto ingiustamente. L’enorme dono di pecore, bovini e altri animali rappresentava “la rugiada del cielo e la ricchezza della terra”, cioè la ricchezza. Il fatto che Giacobbe si inchinò sette volte davanti a Esaù era il suo modo di adempiere le parole: “Si prostrino davanti a te i figli di tua madre”, cioè potenza.

Giacobbe restituì la benedizione. Anzi, lo ha detto esplicitamente. Disse a Esaù: “Per favore accetta la benedizione [birkati] che ti è stata portata, perché Dio è stato misericordioso con me e io ho tutto ciò di cui ho bisogno”. (Gen. 33:11) In questa lettura della storia, Rebecca e Giacobbe commisero un errore, perdonabile, comprensibile, ma pur sempre un errore. La benedizione che Isacco stava per dare a Esaù non era la benedizione di Abramo. Intendeva impartire a Esaù una benedizione a lui appropriata. In tal modo, agiva sulla base di precedenti. Dio aveva benedetto Ismaele, con le parole “Farò di lui una grande nazione”. (Gen. 21:18) Questo era l’adempimento di una promessa che Dio aveva fatto ad Abramo molti anni prima, quando gli disse che sarebbe stato Isacco, non Ismaele, a continuare il patto: Abramo disse a Dio: “Se solo Ismaele potesse vivere sotto la tua benedizione!” Allora Dio disse: “Sì, ma Sara tua moglie ti darà un figlio e tu lo chiamerai Isacco. Stabilirò la mia alleanza con lui come alleanza eterna per i suoi discendenti di lui dopo di lui. Quanto a Ismaele, ti ho ascoltato: lo benedirò sicuramente; lo renderò fecondo e ne accrescerò grandemente il numero. Egli sarà il padre di dodici capi e io farò di lui una grande nazione.” (Gen. 17:18-21)

Isacco sicuramente lo sapeva perché, secondo la tradizione midrashica, lui e Ismaele si riconciliarono più tardi nella vita. Li vediamo in piedi insieme sulla tomba di Abramo (Gen. 25:9). Può essere che questo fosse un fatto che Rebecca non sapeva. Associava la benedizione all’alleanza. Forse non sapeva che Abramo voleva che Ismaele fosse benedetto anche se non avrebbe ereditato il patto, e che Dio aveva acconsentito alla richiesta.

Se è così, allora è possibile che tutte e quattro le persone abbiano agito correttamente quando hanno compreso la situazione, eppure si è verificata comunque una tragedia. Isacco aveva ragione a desiderare che Esaù fosse benedetto, mentre Abramo cercava Ismaele. Esaù ha agito con onore verso suo padre rispetto a lui. Rebecca ha cercato di salvaguardare il futuro dell’alleanza. Jacov ebbe degli scrupoli ma fece quello che diceva sua madre di lei, sapendo che non avrebbe proposto l’inganno senza una forte ragione morale per farlo.

Abbiamo qui una storia con due possibili interpretazioni? Forse, ma non è questo il modo migliore per descriverlo. Quello che abbiamo qui, e che ci sono altri esempi nella Genesi, è una storia che capiamo in un modo la prima volta che la ascoltiamo, e in un modo diverso una volta che abbiamo scoperto e riflettuto su tutto ciò che è successo in seguito. È solo dopo aver letto della sorte di Giacobbe in casa di Labano, della tensione tra Leah e Rachele e dell’animosità tra Giuseppe e i suoi fratelli che possiamo tornare indietro e leggere Genesi 27, il capitolo della benedizione, in una nuova ottica leggera e con maggiore profondità.

C’è qualcosa come un errore onesto, ed è un segno della grandezza di Giacobbe che lo riconobbe e fece ammenda con Esaù. Nel grande incontro di ventidue anni dopo i fratelli lontani si incontrano, si abbracciano, si separano come amici. Ma prima, Giacobbe ha dovuto lottare con un angelo.

Così è la vita morale. Impariamo sbagliando. Viviamo la vita in avanti, ma la comprendiamo solo guardando indietro. Solo allora vediamo le svolte sbagliate che abbiamo inavvertitamente fatto. Questa scoperta è a volte il nostro più grande momento di verità morale.

Per ognuno di noi c’è una benedizione che è nostra. Questo era vero non solo per Isacco ma anche per Ismaele, non solo per Giacobbe ma anche per Esaù. La morale non potrebbe essere più potente. Non cercare mai la benedizione di tuo fratello. Accontentati della tua.

Di Rav Jonathan Sacks zl

(Foto: Josè de Ribera, “Isacco benedice Giacobbe”, 1637)

Menu