una parashà

Parashat Mishpatim. Il significato di “Faremo e ascolteremo”

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Le due parole che leggiamo verso la fine della nostra parashà – na’aseh ve-nishma, “Faremo e ascolteremo” – sono tra le parole più famose della Torah. Sono quelle che i nostri antenati dissero quando accettarono l’alleanza nel Sinai.

Sono l’opposto nello spirito delle molte altre storie di lamentela, di peccati e di ribellioni della gente durante il anni selvaggi.
Esaminiamo cosa effettivamente significano le parole di na’aseh ve-nishma. Na’aseh è semplice. Significa: “Lo faremo”. Riguardano azione, comportamento, pratica. Ma nishma non è così chiaro.
Potrebbe significare “Sentiremo”. Ma potrebbe anche significare: “Noi obbediremo. “Oppure potrebbe significare “Capiremo”.

Queste più opzioni suggeriscono che esiste più di un modo per decodificare la frase na’aseh ve-nishma.

I rabbini hanno offerto queste interpretazioni:
[1] Dal punto di vista del Talmud (Shabbat 88a)
Rashi spiega “Faremo e poi ascolteremo” suggerendo che il popolo ha accettato l’alleanza ancor prima di sentire cosa c’era dentro. Hanno detto “faremo” prima di sapere che cosa Dio voleva che facessero, e hanno mostrato la loro totale fiducia in Dio.
[2] Rashbam suggerisce che significa “Faremo [ciò che abbiamo già ci è stato comandato fino ad ora] e obbediremo [tutti precetti futuri].
La dichiarazione degli israeliti sembravano entrambe proiettate in avanti e indietro.
Le persone hanno capito che erano in mezzo a un viaggio spirituale oltre che fisico e avrebbero potuto non conoscere tutti i dettagli della legge in una sola volta.
Nishma qui non significa “ascoltare” ma “ascoltare, nel senso di obbedire, rispondere fedelmente infatti.”
[3] “Lo faremo obbedientemente” (Sforno).
In questa prospettiva le parole na’aseh e nishma sono una singola idea espressa da due parole.
Gli israeliti dicevano che avrebbero fatto ciò che Dio gli ha chiesto, non perché loro cercavano di trarne beneficio, ma semplicemente perché volevano fare la sua volontà. Li aveva salvati dalla schiavitù, guidati e nutriti attraverso il deserto, e volevano mostrare la loro completa lealtà a Lui come loro redentore e legislatore.
[4] “Faremo e capiremo” (Isaac Arama in Akeidat Yitzchak).
La parola nishma può avere il senso di “comprensione”. Secondo questa spiegazione, quando il gli israeliti mettevano il “fare” prima del “capire”, volevano dare espressione a una profonda verità filosofica. Ci sono alcune cose che possiamo capire solo facendo. Non si capisce una leadership solo sentendosene guidati. Capiamo solo ascoltandone la sua  “musica”. Leggere libri su questo non è abbastanza. Così è con fede.
Possiamo solo veramente capire l’Ebraismo vivendo secondo i suoi comandamenti. Non puoi comprendere una fede dall’esterno, perché il fare conduce a comprendere.

Un altro insegnamento da tener presente nell’espressione “na’aseh ve nishmà” che tre volte troviamo nella Torà è quello che suggerisce che quando si tratta di azione (na’aseh) noi dobbiamo essere uniti. Tuttavia, può esserci più di un percorso per comprendere la nostra fede (nishma).

Di Rabby Jehonatan Sacks
Menu