La morte dei figli di Aronne, di cui si parla nella Parashat Achrei Moth

Parashat Acharei Mot

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò

L’elemento centrale del servizio Yom Kippur, descritto nel parsha di questa settimana, è piuttosto un mistero.  Due capre, identiche nell’aspetto, su cui il Sommo Sacerdote tirava a sorte, sacrificando una come offerta per il peccato e inviando l’altro, il “capro espiatorio”, nel deserto per morire.  Perché devono essere identici?  E perché gettare un sacco (goralot) su di loro?  Presumibilmente, questi elementi sono stati progettati per ispirare sentimenti di timore reverenziale e pentimento nella folla che ha riempito il Tempio nel giorno più santo dell’anno, ma come e in che modo?

 Nel corso dei secoli, i Saggi hanno cercato di decifrare il mistero.  Due animali, uguali nell’aspetto ma diversi nel destino, suggeriscono l’idea dei gemelli.  Questo e altri indizi portarono il Midrash e alcuni commentatori come Nahmanide e Abarbanel a concludere che le due capre simboleggiavano il più famoso dei gemelli della Torah: Giacobbe ed Esaù.
 Ci sono altri indizi: la parola se’ir, “capra”, è anche associata alla Torah con Esaù.  Lui e i suoi discendenti vivevano nella terra di Seir.  La parola se’ir è legata a sei’ar, “peloso”, che è il modo in cui nacque Esaù: “Tutto il suo corpo era come una veste pelosa” (Genesi 25:25).  Secondo la Mishnah, un filo rosso era legato al capro espiatorio, e “rosso” (Edom) era l’altro nome di Esaù.  Quindi c’era una tradizione che il capro espiatorio simboleggiava Esaù.  In particolare, la frase “due figli delle capre”, shnei se’irei izim, menzionata nell’Alto “Capro espiatorio”. L’ingresso del Sommo Sacerdote nel Sancta Sanctorum segnò il punto più alto spirituale dell’anno ebraico.
La parsha delinea anche ulteriori proibizioni contro il consumo di sangue e le leggi delle relazioni proibite, entrambi aspetti della vita di purezza che Dio chiede al popolo ebraico.
 I riti del sacerdote, ci ricorda l’espressione molto simile, “due figli delle capre”, shnei gedi’ei izim, menzionata in Genesi 27, quando Rebecca condivide con Giacobbe un piano per ingannare Isacco nel dargli la benedizione di Esaù: “Vai al gregge e portami due vitelli scelti delle capre, così posso preparare del cibo gustoso per tuo padre … così che possa darti la sua benedizione prima di morire “incarica Rebecca.  Tali paralleli verbali non sono coincidenti nella Torah.  Sono esempi di una rete complessa di parole e temi interconnessi in cui un versetto fa luce su un altro.
Chi erano allora Esaù e Giacobbe?  Cosa rappresentavano e quanto è rilevante per Yom Kippur e l’espiazione?  La tradizione midrashica tende a mostrare Giacobbe come perfetto ed Esaù come un malfattore.  Tuttavia, la Torah stessa non è così in bianco e nero, o veloce da giudicare.
I Saggi dicono che per un aspetto – onorare suo padre – Esaù era un modello di riferimento supremo.
 Esaù nella Tora non è un primo esempio del male.  Piuttosto, è l’uomo d’impulso.  Lo vediamo nella scena in cui vende il suo diritto di nascita a Giacobbe.  È un uomo impulsivo, sempre guidato dall’emozione del momento, che si tratti della fame, della devozione familiare, del desiderio di vendetta o, alla fine, della generosità dello spirito.
 Jacob è l’opposto.  Non lascia il posto ai suoi sentimenti.  Agisce e pensa a lungo termine.  Questo è quello che fa quando lavora per sette anni per Rachel, e quando i sogni di suo figlio Joseph suscitano gelosia immediata dai fratelli, con Jacob ci viene detto “Suo padre ha tenuto a mente la questione”. Non agisce mai impulsivamente.  Pensa a lungo e duramente prima di recitare.
  1. Chi sono?  Questa è la domanda che Yom Kippur ci costringe a chiedere.  Per essere Jacob, dobbiamo rilasciare e abbandonare l’Esaù dentro di noi, l’impulsività che può portarci a vendere il nostro diritto di nascita per una scodella di zuppa, perdendo l’eternità nella ricerca del desiderio.
Di Rav Jonathan Sacks
Menu