Artisti del mondo dello spettacolos i noppngono al boicottaggio del TLV Lgbt Film Festival

Oltre 200 star si oppongono al boicottaggio del TLV International LGBTQ Film Festival

Spettacolo

di Redazione
Più di 200 personaggi dello spettacolo – tra cui diversi attori di spicco – hanno firmato una lettera questa settimana rifiutando gli sforzi per boicottare il prossimo Tel Aviv International LGBTQ Film Festival, che dovrebbe iniziare l’11 novembre, e condannando i boicottaggi culturali contro Israele.

Fra i firmatari della lettera organizzata dalla no profit Creative Community for Peace, vi sono: le attrici Mila Kunis e Hellen Mirren, l’attore Stephen Fry,  l’ex star di una boy band Lance Bass, Melissa Rivers, l’attrice e ospite di ‘Jeopardy’ Mayim Bialik, gli attori Billy Porter e Jonathan Lipnicki, e la cantautrice Diane Warren, il produttore e regista Greg Berlanti e molti altre figure del settore, inclusi agenti, dirigenti, produttori e registi.

“Rifiutiamo qualsiasi tentativo di boicottare il TLVFest – il più grande festival cinematografico LGBTQ di Israele – che lavora per mostrare le storie delle persone LGBTQ a livello globale e creare un futuro più luminoso per le persone LGBTQ sia in Israele che nel mondo”, si legge nella lettera. “Siamo uniti a tutti i registi partecipanti contro la retorica divisiva sposata dagli attivisti del boicottaggio che cercano di disinformare, intimidire e intimidire gli artisti affinché rimuovano i loro film dal festival o li facciano vergognare per aver partecipato al festival”.

“Crediamo che chiunque lavori per sovvertire il TLVFest aggiunga semplicemente un altro ostacolo alla libertà, alla giustizia, all’uguaglianza e alla pace che tutti noi desideriamo disperatamente, specialmente per la comunità LGBTQ che è perseguitata in tutto il Medio Oriente e in tutto il mondo”, dice la lettera. “Gli artisti non dovrebbero mai essere messi a tacere e l’arte non dovrebbe essere sovvertita per obiettivi politici”.

Un boicottaggio costante

L’evento, noto come TLVFest,  con la proiezione di dozzine di film e altri eventi, L’evento è costantemente preso di mira dagli attivisti del BDS, che lo accusano di “ripulire” Israele mettendo in evidenza i diritti degli omosessuali nel tentativo di distrarre dalle sue attività nei confronti dei palestinesi. L’anno scorso, più di 100 registi LGBTQ hanno esortato a boicottare il festival “fino a quando Israele non si conformerà al diritto internazionale e rispetti i diritti umani palestinesi”.

Gli organizzatori: “Così si mettono a tacere anche i palestinesi”

In una dichiarazione pubblicata prima del festival di quest’anno, Yair Hochner, direttore del TLVFest, ha osservato che l’evento è un affare privato e non governativo, che include voci palestinesi, e che il boicottaggio non fa nulla per promuovere gli sforzi verso la pace.

Questi movimenti hanno scelto l’obiettivo sbagliato e, invece di promuovere la causa palestinese, cercano di mettere a tacere coloro che combattono per la libertà di parola”, ha scritto Hochner. Il boicottaggio del festival servirà solo ad “infiammare le voci violente e sfortunatamente non farà pressione sul governo israeliano per porre fine alle sue continue violazioni dei diritti umani”, ha affermato.

Una petizione contro il boicottaggio

L’organizzazione Creative Community for Peace è anche promotrice di una petizione contro il boicottaggio degli artisti che ogni anno ricevono pressioni per non esibirsi in Israele. “Noi sottoscritti sosteniamo con tutto il cuore la vostra prossima visita in Israele. Sappiamo che prima del vostro arrivo potreste sentire dichiarazioni negative sul paese da parte di persone che vi fanno pressioni per non andare. Riteniamo che queste affermazioni siano piene di distorsioni e falsità e servano solo a scoraggiare un discorso e una comprensione significativi. Quelli di noi che sono stati in Israele sanno che, anche se non perfetto, è un paese vivace con una popolazione diversificata. È l’unica vera democrazia in Medio Oriente, che consente a tutti i suoi cittadini, indipendentemente dall’etnia, dal sesso o dalla religione, l’opportunità di partecipare alla gestione del governo. Ciò include membri arabi nel loro parlamento e giudici arabi che siedono nella Corte suprema del paese. Auguriamo una soluzione pacifica al complicato conflitto israelo-palestinese e crediamo che gli eventi culturali possano essere parte della soluzione. Gli eventi culturali sono un ottimo strumento per costruire ponti, promuovere il dialogo e favorire la comprensione tra le persone. Le arti uniscono le persone e gli eventi culturali in Israele svolgono un ruolo piccolo, ma cruciale, per aiutare, si spera, a raggiungere quella pace”.

Fra i firmatari della petizione, che ad oggi ha raggiunto più di 47000 firme, vi sono artisti del calibro di RihannaRadioheadJennifer LopezPaul McCartney, Justin Timberlake, Elton JohnLady GagaClean BanditKanye WestThe Rolling StonesMadonna,  Bon JoviEnrique Iglesias, One Republic,J ustin BieberThe Backstreet BoysZiggy MarleyThe Red Hot Chili PeppersMetallica, Alicia Keys,  30 Seconds to MarsREMDavid Guetta,  Nick CaveGuns N’ RosesAlanis MorisetteCyndi Lauper.

 

 

Menu