Con gioia e colore si raccontano le feste ebraiche

Libri

di Ilaria Myr

Le tappe fondamentali della vita di un ebreo sono spiegate in modo colorato e allegro nel nuovo libro Le mie feste ebraiche. Tradizioni, Canti e e Ricette di Giuditta Di Segni, illustrato da Lia Frassineti, edito da Logart Press

 

Shabbat, Rosh ha-Shanà, Yom Kippur e poi tutte le altre feste del calendario ebraico fino a Shavuot. E ancora, le feste familiari, dal matrimonio alla nascita dei figli alla maturità religiosa: sono le tappe fondamentali della vita di un ebreo raccontate in modo colorato e allegro nel nuovo libro Le mie feste ebraiche. Tradizioni, Canti e e Ricette di Giuditta Di Segni, illustrato da Lia Frassineti, edito da Logart Press, casa editrice di Roma che ha pubblicato negli anni altri libri di cultura ebraica quali Le Feste Ebraiche (per adulti), La mia Haggadà, Cento Storie dalla Bibbia, Il Rotolo di Esther e L’Haggadà traslitterata.
Le mie feste ebraiche in questa versione per bambini è un testo bellissimo rivolto non solo ai bambini ebrei, che possono così comprendere meglio il senso delle feste divertendosi, ma anche a quelli non ebrei, a cui racconta in modo semplice ma profondo il senso delle festività ebraiche e la loro antichissima storia. Non solo: il libro è anche arricchito da ricette e canti, per i quali sono indicati note musicali e testi.
Si spazia quindi dall’atmosfera magica dello Shabbat passato in famiglia (per il quale si può preparare la Challà indicata nella ricetta!) a Sukkot, la cui storia è raccontata niente meno che da una Sukkà parlante…, passando per la storia di Ester e Mordechai e le piaghe di Pesach, festa che si conclude cantando Chag Gadyà.
Molto dettagliatamente sono spiegate anche le feste familiari e le tradizioni ebraiche legate a questi momenti: si inizia con il matrimonio – che si celebra sotto la chuppà, con la benedizione sotto al Talleth del rabbino e la rottura del bicchiere da parte dell’uomo, a sancire la fine della cerimonia e l’unione della coppia – alla nascita e la milà, per poi arrivare alla maturità religiosa raggiunta quando si diventa Bar e Bat Mitzvà. A rendere tutto ancora più fruibile il linguaggio fresco e chiaro e i disegni colorati e dettagliati, insieme a un utile glossario delle parole ebraiche, che ne rende ancora più facile la lettura.
“Il libro che avete tra le mani, destinato ai bambini, accetta la scommessa con l’obiettivo di rendere semplice un pensiero così complesso: illustra il ciclo annuale delle festività ebraiche, e quello della vita, presentandone in dialogo i simboli e i protagonisti – scrive Rav Benedetto Carucci Viterbi nella prefazione -. L’operazione è impegnativa, come tutte le semplificazioni significative e di spessore: il risultato, brillante, lo avete sotto gli occhi. Sarà uno strumento prezioso di conoscenza e di riflessione sulla formazione di una identità che come tutte le identità è allo stesso tempo particolare e universale”.

Le mie Feste Ebraiche. Tradizioni, canti e ricette, testi Giuditta Di Segni – illustrazioni Lia Frassineti, prefazione
Rav Benedetto Carucci Viterbi, Logart Press editore, pp. 72, con 70 illustrazioni originali, euro 25,00.

Menu