L'Aula Magna della Scuola durante l?open Day per i licei

Open-day scuola: internazionalizzazione, apertura al territorio e formazione digitale i pilastri dell’offerta formativa dei licei

Scuola

di Redazione
Grande successo per l’Open Day dei licei della Scuola della Comunità Ebraica, tenutosi mercoledì 4 dicembre nell’Aula Magna Benatoff della Scuola: genitori e ragazzi hanno riempito infatti la sala per ascoltare le numerose novità in programma dall’anno scolastico 2020, per gli indirizzi previsti: scientifico opzione scienze applicate, linguistico e Tecnico relazioni internazionali per il marketing.

Alcuni dei ragazzi diplomati alla Scuola Ebraica al liceo scienze applicate

 

Dopo i saluti del dirigente scolastico Agostino Miele, di Timna Colombo, assessore alla scuola e di Marco Grego, neo-rieletto presidente della Fondazione Scuola, sono stati chiamati alcuni degli studenti diplomati fra 2014, 2015 e 2016 del liceo scientifico scienze applicate, i cui risultati hanno determinato la conquista da parte della Scuola del primo posto della classifica Eduscopio per questo indirizzo. Ricordiamo che anche gli altri indirizzi della scuola si sono classificati molto bene nella classifica, come ha anche illustrato la prof. Dany Maknouz. Ai presenti hanno raccontato le loro esperienze di studio – chi si è laureato in Bocconi, chi studia medicina, chi master in finanza – e hanno spiegato come sia stata fondamentale per raggiungere questi risultati la preparazione al liceo della scuola, invitando i ragazzi di terza media, indecisi se proseguire gli studi nella nostra scuola o uscire, a riflettere sul fatto che il liceo si fa una volta sola, e deve essere alla Scuola ebraica. A sorpresa poi è stata consegnata loro una coppa dalla vicepreside Esterina Dana.

Numerose le novità introdotte dall’anno 2020, prima fra tutte l’internazionalizzazione, con il progetto EFI rete scuole – che permette il rilancio delle Scuole ebraiche per il futuro grazie alla collaborazione con le Fondazioni Lauder, Matanel, ORT, Agenzia Ebraica-Sochnut e una fondazione australiana -, il progetto Rete Cambridge, che prevede il potenziamento della lingua inglese con docenti madrelingua, il progetto CLIL, con alcune materie insegnate in inglese, e il Summer Camp della ORT. Importante anche l’apertura al territorio, con il prosieguo della partecipazione al progetto FEDUF, in cui la scuola è finalista con un progetto della IV, e al PCTO, cioè l’ex Alternanza Scuola Lavoro.

Proseguiranno anche altri cavalli di battaglia dell’offerta formativa della nostra scuola, come il Progetto Net@, il laboratorio di robotica, e verranno introdotte le certificazioni linguistiche straniere e quelle digitali (ECDL), così come i viaggi identitari in Polonia e Israele. Molto importante è anche la formazione dei docenti, testimoniata durante la serata da Marta Luca, head of human capital and development SNAM, che ha espresso la propria soddisfazione nel lavoro con gli insegnanti della scuola.

Gli altri open-day

Si proseguirà poi in settimana con gli open day degli altri ordini scolastici. Martedì 10 dicembre alle ore 8.30, nell’Auletta Biblioteca Hasbani, si terrà quello per la scuola Primaria, mentre alle 20.45 sarà la volta delle secondarie di primo grado. Mercoledì 11 dicembre, infine, alle ore 8.30 ci sarà la presentazione del Nido Guido Moshe e Fernanda Jarach.

Menu