Tablet usati a scuola dai bambini

In arrivo alla primaria i tablet per studiare l’ebraico

a cura del Team Infanzia-Primaria
Inizierà a breve un progetto che porterà ulteriori novità tecnologiche per l’apprendimento dell’ebraico. Seguendo l’esempio di molte scuole in tutto il mondo e grazie alla costante collaborazione tra la Scuola e la Fondazione Scuola, è stato approvato l’acquisto di 15 Tablet e relativi accessori allo scopo di potenziare l’apprendimento della lingua ebraica. La nostra scuola utilizza già da molti anni il metodo interattivo Italam, per l’insegnamento dell’Ivrit. Italam si basa su una piattaforma web-based alla quale i bambini e le bambine possono accedere sia da scuola sia da casa, immersi in un mondo parallelo di personaggi simili a loro, una classe virtuale, che ha vita propria; i bambini e le bambine vivono la quotidianità a partire dall’apprendimento dell’Alef Bet, nelle classi più piccole e aumentando il loro bagaglio di vocaboli, espressioni, grammatica, via via progredendo col passare degli anni.

Approfittando della sempre maggiore confidenza che bimbi e bimbe hanno con le nuove tecnologie, Italam ha arricchito il suo già notevole archivio di materiale didattico, con ulteriori esercizi, giochi, storie e quant’altro, che, grazie all’impiego dei nuovi Tablet, può essere utilizzato in classe, aiutando la Morà a differenziare gli esercizi e quindi l’apprendimento, per livello in maniera progressiva e personalizzata.

I tablet sono quindi a disposizione della classe e dell’insegnante, che si preoccuperà di riporli nella charging station dedicata, un mobiletto professionale chiuso che provvede, oltre alla loro ricarica, alla relativa sanificazione.
Ancora una volta la Fondazione Scuola è stata pronta ad affermare l’importanza dell’innovazione della didattica, che deve necessariamente seguire le tendenze e le abilità delle nuove generazioni, senza rinunciare ai vantaggi anche dell’insegnamento tradizionale.