Comunicato dei Consiglieri di Milano Ebraica sul messaggio di Meghnagi

News

Riceviamo e pubblichiamo:

 

Comunicato dei Consiglieri di Milano Ebraica

In seguito alle deplorevoli dichiarazioni contenute nella lettera del presidente della Comunità Ebraica di Milano Meghnagi, lette dal senatore La Russa in occasione della  Conferenza Programmatica  di FDI, non condivise come da prassi con il Consiglio e nelle quali non ci riconosciamo, la lista Milano Ebraica ha chiesto come da regolamento CEM la convocazione di un Consiglio straordinario con urgenza, che al momento non è stato ancora indetto e richiesto le dimissioni del Presidente.

Questo il testo della lettera :
«Caro Ignazio, Cara Giorgia, ringrazio per l’invito ad intervenire come ospite alla vostra assemblea programmatica alla quale per impegni fuori Milano non potrò essere presente. Ho seguito dai mezzi di informazione la vostra manifestazione così come, sin dai tempi della tua sincera amicizia con mio padre Isacco, seguo con attenzione l’evoluzione della destra politica italiana che mai ha mancato di schierarsi con Israele in politica estera e che è in prima fila nella condanna dell’olocausto e delle orrende leggi razziali, la più grande tragedia la Shoah.
Sono a conoscenza dei vostri ottimi rapporti a Roma come a Milano con esponenti della comunità ebraica e mi rallegra sapere che ci accomuna l’amore per il valore della libertà e da buoni conservatori, lo sguardo al futuro ma sapendo conservare le tradizioni e l’identità che contraddistingue ogni popolo.
Buon lavoro per il bene della concordia e della crescita della Nostra Italia».

Esprimiamo infine biasimo per l’articolo pubblicato il 2 maggio su Mosaico, che riportiamo qui sotto, che risulta essere fuorviante e mendace:

“In questi giorni è apparso un mio messaggio strettamente personale sul Secolo d’Italia, che è stato utilizzato strumentalmente come sostegno al convegno organizzato da Fratelli d’Italia .
A un invito a cui non ho aderito, ho risposto che sto seguendo con attenzione l’evoluzione della destra che, seppur dimostri vicinanza alla Stato di Israele e abbia fatto passi avanti nella consapevolezza della storia della Shoah, ha ancora una forte necessità di fare i conti con le sue pericolose frange estremiste, condannando senza ambiguità gli orrori del fascismo.
Rimango fermamente convinto che i rapporti personali, che i rappresentanti politici delle istituzioni ebraiche sono tenuti ad avere con i politici, per il bene delle stesse istituzioni, non possano comunque essere interpretati come espressione della posizione della Comunità Ebraica di Milano che è composta da persone con idee diverse, appartenenze politiche diverse e che sarà sempre schierata unanimemente contro quel fascismo purtroppo ancora oggi presente nella società”.

I Consiglieri di Milano Ebraica

Menu