Parashà della settimana

Parashat Behar Sinai e Bekhukottai

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Il giudaismo è una religione di amore e perdono. Ma è anche una religione di giustizia. Le punizioni nella Torà non esistono perché Dio ama punire, ma perché vuole che agiamo bene. Immagina un paese che ha leggi ma nessuna punizione.

Un falò per Lag Ba'omer

Oggi si festeggia Lag Ba’omer

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
La festa ha origine al tempo di Rabbi Akiva. Il Talmud (Yebamoth 62:2) racconta che 24.000 allievi di Rabbi Akiva morirono per una misteriosa malattia mandata da Dio. I Lag Ba’omer celebra il giorno in cui questa malattia cessò. Ma è anche l’anniversario della morte del famoso Rabbino Shimon bar Yochai, il cabalista, conosciuto quale autore dello Zohar.
tazria

Parashat Tazria e Parashat Metzorà

Appunti di Parahà a cura di Lidia Calò
La Torà riconosce che in alcune occasioni, e in alcune aree della vita religiosa, potremmo essere “poveri” – meno capaci di altri e di quanto vorremmo essere. Non ci aspettiamo che la Torah faccia più di quanto possiamo, né dovremmo aspettarci di fare più di quanto possiamo.

parahsat tzav

Parashat Tzav

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Il fatto che siamo stati salvati da un pericolo ci fa giurare, con un fervore ancora più profondo di quello ordinario, che useremo e godremo i piaceri della vita con l’impegno di darci completamente secondo la volontà di Dio.

Una pecora per sacrificio

Parashat Vayikra

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
I sacrifici sono l’argomento della parashà di questa settimana, erano centrali nella vita religiosa del biblico popolo d’Israele.  Lo vediamo non solo dallo spazio puro a loro dedicato nella Torah (Il tabernacolo) ma anche dal fatto che occupano il suo libro centrale, quello di Vayikra.

Nella parashà di Vayakel-Pekudei si parla dell'incenso che bruciava sul Mishkan

Parashat Vayakhel-Pekudé

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
La Torah dice nella Parashat Vayakhel che Benei Yisrael ha donato più materiali per il Mishkan di quanto fosse necessario, spingendo Moshe a fare un annuncio che non si sarebbero fatte più donazioni.  A quel punto, la Torah riferisce: “Va-yikalei ha-am mei-havi” – la gente ha smesso di portare materiale (36: 6).

Gli ebrei costruiscono il vitello d'oro

Parashat Ki Tissa. Il vitello d’oro, il perdono di Mosè e il legame con Yom Kippur

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Il 10 di Tishrei, Mosè discese dal Monte Sinai con una nuova serie di tavole per sostituire quelle che aveva rotto di rabbia per il loro peccato. Il dieci di Tishrei divenne successivamente Yom Kippur, il giorno dell’espiazione, segnando quel momento in cui il popolo vide Mosè con le nuove tavole consapevoli di essere stati perdonati.
una parashà

Parashat Tetzaveh

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Tetzaveh, con la sua elaborata descrizione dei “paramenti sacri” che i Sacerdoti e il Sommo Sacerdote indossavano “per gloria e splendore”, sembra contrastare con alcuni valori fondamentali dell’ebraismo.

Menu