Hummus di ceci neri con petali di rosa

Cucina e Kasherut

di Michael Soncin

Dopo anni che mi rimpinzo del classico hummus, piatto per eccellenza della cucina mediorientale, bontà delle bontà, ho deciso di trasgredire pensando – senza abbandonare la versione tradizionale – ad una ricetta alternativa; ottima come antipasto (magari in vista di Rosh haShanà) se avete ospiti da incuriosire, perché vi devo avvisare, molti di loro non capiranno a prima vista di che cosa si tratti.
Ho voluto farlo – senza stravolgerlo poi così tanto – con i ceci neri, dove il gusto deciso e saporito dell’hummus, unito al retrogusto del cumino, si sposa con la delicatezza della rosa, creando, oltre che per la vista, un piacevole e alternativo contrasto di sapori e profumi. Pensate che esistono delle fragranze di grande pregio al profumo di rosa e cumino!

 

Preparazione
Cucinare i ceci per 90 minuti, dopo averli messi a bagno 12 ore nell’acqua.
Frullare i ceci, unendo acqua, sale, succo di limone, olio di semi di girasole, salsa tahini nera, cumino in polvere e dell’aglio rosso; fino ad ottenere la consistenza desiderata.
Lasciare riposare nel frigo per almeno due ore. Prendere la sac à poche e distrubuire l’hummus sui piattini, guarnendo il tutto con semi di girasole tostati e petali di rosa commestibili.
Suggeriamo di preparare dei crostini con olio d’oliva extravergine crudo, (mentre nella preparazione dell’hummus raccomandiamo l’olio di semi per non alterare il retrogusto dei vari ingredienti) strofinati d’aglio, su cui spalmare la crema di ceci.
La tradizione si porta avanti e si mantiene attiva anche affiancando ai classici le varie reinterpretazioni. Osate! Beteavon!

 

Ingredienti
Pensato come antipasto, da distribuire
su sette piattini o su un unico piatto grande

250 grammi di ceci neri
1 ½ bicchiere d’acqua
¾ bicchiere d’olio
di semi di girasole
1 limone
1 cucchiaio di sale
1 cucchiaino scarso
di cumino
1 spicchio d’aglio rosso
2 cucchiai di salsa tahini nera
semi di sesamo tostati
petali di rosa commestibili

Haroset all’egiziana di mamma Minouche

Cucina e Kasherut

di Ilaria Myr
Il haroset, una specie di marmellata che si fa per la festa ebraica di Pesach, è uno dei cibi che deve essere sul piatto del Seder a simboleggiare la malta che gli ebrei usavano in Egitto durante la schiavitù per costruire le piramidi per gli egiziani. E quello della mia famiglia, di origine egiziana, è un tripudio di sapori d’Oriente!

I Latkes di Anne-Marie

Cucina e Kasherut

di Ilaria Myr
Ricette ebraiche (della mamma, della zia, della nonna…). A casa di mia suocera, a Bruxelles (Belgio), non c’è Channukà senza latkes: queste frittelle di patate e cipolle sono infatti un classico della cucina askenazita per la Festa delle Luci, che piacciono a grandi e piccini.

Menu