Cultura e Società

Una scena del film 'Non odiare'

“Non odiare”, il razzismo secondo Gassmann e Mancini

Spettacolo

di Nathan Greppi
Proiettato lunedì 14 al Gloria, in un evento organizzato dall’Associazione Figli della Shoah insieme a Notorious Pictures, il film recentemente presentato al Festival di Venezia. Ottime le interpretazioni degli attori, che mettono in scena una storia ispirata a fatti accaduti realmente.

Il tempo e le parole

Opinioni

di Claudio Vercelli
Da questo tempo usciremo trasformati, ancorché un poco frastornati. La pandemia ci cambia, non solo poiché ci sottrae dallo scenario abituale bensì in quanto ci consegna alla radicalizzazione di percorsi

Marina Nissim

Una boccata d’arte: paesaggio e antichi borghi, bellezza e arte contemporanea: un grande progetto di rinascita post-Covid 

Arte

di Redazione
Il progetto di Fondazione Elpis con Galleria Continua è una scintilla di ripresa culturale, turistica ed economica basata sull’incontro tra l’arte contemporanea e la bellezza storico artistica di venti borghi italiani. Per la prima edizione inaugurerà le installazioni artistiche in contemporanea in tutti i borghi nel weekend del 12 e 13 settembre.

Sam Szafran, l’artista delle foglie

Personaggi e Storie

di Michael Soncin
Figlio di ebrei immigrati dalla Polonia, nacque a Parigi, dove scampò alla Rafle du Vel’ d’Hiv.
Visse in Svizzera e in Australia, ma nel dopoguerra, tornato in Francia iniziò a dedicarsi alle mille sfumature che i suoi pastelli gli consentivano di creare. Un maestro del colore

Claudio Vercelli all'incontro su populismi, neofascismi e antisemitismi

Il nodo mediorientale, senza pace, senza certezze

Libri

di Anna Coen
Una terra, due popoli, ma non ancora due Stati. Claudio Vercelli affronta, attraverso un’analisi documentata e limpida, l’evoluzione del confronto tra arabi ed ebrei, dalla seconda metà del XIX secolo fino a oggi

Il vitalismo sfrenato del mago di Lublino

Libri

di Redazione
La pia moglie, l’amante cristiana; la magia da illusionista e il misticismo venerabile. Tutto è doppio nella vita fantasmagorica di Yasha Mazur, indimenticabile personaggio di I. B. Singer

Menu