News

  1. Home
  2. Comunità
  3. News
  4. (Pagina 14)

Più giustizia per rette scolastiche e contributi

News

Una revisione delle quote di iscrizione alla Comunità e una nuova politica per l’assegnazione dei sussidi sulle rette scolastiche e della Residenza Arzaga. La complessa macchina della gestione comunitaria ha bisogno del contributo di tutti gli ebrei milanesi. Dopo la prima analisi generale della situazione finanziaria della Comunità, l’assessore Alberto Foà, in queste ultime settimane, è passato ad esaminare in dettaglio il settore dei contributi dovuti dagli iscritti.

Consiglio Straordinario sulla Scuola

News

convocato il 5 luglio per discutere sull’organizzazione scolastica dopo le dimissioni di Anna Arbib e Rav Roberto Colombo, ha deliberato a maggioranza assoluta (11 favorevoli, 7 astenuti e nessun contrario) di assegnare a Ester Kopciowski, oggi Preside della scuola secondaria di II° grado, l’incarico di Preside della scuola secondaria di I° grado per l’anno scolastico 2010-2011, cumulando così i due ruoli. Il Responsabile dell’insegnamento delle materie ebraiche è il Rabbino Capo Rav Alfonso Arbib che entro l’inizio dell’anno scolastico 2010-2011 provvederà ad indicare i nominativi di uno o più referenti per i vari ordini di scuola.

Giunte aperte o chiuse, decisione controversa

News

convocato, per la prima volta nella storia della Comunità milanese, su richiesta dei consiglieri dell’opposizione. Il motivo: la scelta della maggioranza di tenere le riunioni di Giunta a porte chiuse e non allargandole a tutti i consiglieri come avviene ormai da diversi anni. “Ma lo Statuto dell’ebraismo italiano”, precisa il presidente Jarach, “non prevede nulla di chiaro in proposito e non può valere la regola che se lo Statuto è lacunoso, allora la Giunta deve essere aperta. Lo spirito della norma indica piuttosto che data la delicatezza degli argomenti di competenza della Giunta, sia responsabilità del presidente decidere”.

La comunità informa

News

Cari amici, mi rifaccio vivo con voi a poco più di un mese dalle elezioni del 16 maggio. Il nuovo Consiglio della Comunità si è riunito per la prima volta l’1 giugno, è stata nominata la Giunta. In particolare, a me è stato affidato il compito di seguire le Finanze, il Personale ed i Tributi. Ho trovato una situazione di totale disorganizzazione, prepotenza , prevaricazione, anarchia e mancanza assoluta di controllo sui conti e sulle procedure. Una precisazione

Le prime delibere della nuova Giunta

News

la nuova gestione comunitaria. Il controllo delle uscite è il primo passo per contenere il deficit gestionale, e in quest’ottica vanno lette le prime delibere approvate dalla Giunta, nella riunione dell’8 giugno.

Più poteri ai vertici e rabbini a tempo

News

Più poteri ai vertici e rabbini a tempo. All’assemblea non c’era quasi nessuno, 23 presenze appena, eppure il tema era importante e determinante per il futuro dell’ebraismo italiano. Si discuteva infatti di Statuto delle Comunità

Il rabbino: mediatore, pastore o Maestro?

News

mediatore, pastore o Maestro? Qual è il giusto ruolo? Molti i temi caldi: Kesher incontra Rav Arbib. Uno dei temi ricorrenti è stato quello di “chi è ebreo” e delle conversioni: dai matrimoni misti, ai figli di questi matrimoni, alle differenze esistenti tra i criteri halachici e la legge israeliana del ritorno; ma a questo si sono mischiati altri temi, dalle varie sfumature dell’ebraismo “laico”, o comunque non religioso, ai concreti rischi di scomparsa delle piccole comunità, alle sfide portate alla comunità italiana

BOMBAY UN ANNO DOPO, LA LUCE DOPO IL BUIO

News

Questo il titolo dell’affolllata serata organizzata dai Habad di Milano per la commemorazione delle vittime dell’attentato al Beit Habad di Bombay un anno fa. Con l’occasione è stato presentato il nuovo Centro di Via Soderini, 3, simbolo e risposta di vita e di luce alla violenza e al terrorismo.
Rav Shimon Rosemberg, padre della ragazza vittima dell’attentato, quando qualche giorno fa un giornalista a Bombay durante le commemorazioni ufficiali gli ha chiesto se era contento che avessero preso alcuni terroristi coinvolti nell’attentato, così ha risposto: “Non mi da niente aver scoperto i terroristi, la vendetta non la cerchiamo, non fa parte del nostro DNA”.

Comunità / I nuovi poveri

News

Ma chi ha detto che gli ebrei sono tutti ricchi? Si moltiplicano le situazioni di disagio, anche molto gravi. Il dato nuovo? Le famiglie con bambini colpite dai licenziamenti di almeno uno dei due coniugi. E la soglia della povertà che si abbassa. Le storie di gente che in Comunità vive sotto la soglia della povertà, potrebbero essere ancora molte. Ed è spesso più dura soprattutto per chi proviene da uno stile di vita fatto di consumi medio-alti e di un certo benessere. C’’è chi oggi non arriva alla terza settimana del mese. C’’è chi è allo sfratto esecutivo per insolvenza, c’’è chi si ritrova davanti lo spettro di una vita da homeless, non saper dove andare, non avere parenti a cui chiedere aiuto e la vergogna di non essere più in grado di procacciarsi la parnassà, il proprio sostentamento. Ma chi è che dice che gli ebrei sono tutti ricchi? E qual è l’’identikit di questa fascia di nuovi poveri?

Intervista a Daniele Nahum

News

Intervista a Daniele Nahum. Nel Congresso Ugei di fine ottobre Nahum rimetterà il mandato dopo tre anni. La sua presidenza è stata caratterizzata dall’apertura verso la società italiana e i grandi temi etici

Festival di Teatro Ebraico

News

Festival di Teatro Ebraico, nel quadro delle iniziative organizzate dall’assessorato alla Cultura della Comunità per la decima edizione della Giornata Europea della Cultura ebraica.
Il Golem. Nella nebbiosa notte di Praga, voci diverse raccontano la stessa storia, ma con toni diversi. Una canta la forza, la potenza, l’istinto a sopravvivere. Il suo motto è: “Se ci vogliono morti noi dobbiamo combattere per restare in vita”. L’altra è pensosa, riflessiva, saggia e paziente. Non la forza la difende, ma la sua conoscenza eterna, il suo aver attraversato i secoli.

Feste e tradizioni del popolo ebraico

News

La decima edizione della Giornata Europea della Cultura ebraica si terrà domenica 6 settembre con il tema Feste ebraiche e tradizioni. La città capofila scelta per la manifestazione è Trani. Dice Yoram Ortona, Consigliere Ucei Delegato alla Giornata Europea della Cultura Ebraica: “E’stata designata come capofila Trani, una suggestiva cittadina di 60.000 abitanti che si affaccia sul Mare Adriatico, e nella quale la presenza ebraica dal sec. IX al sec. XVI ha avuto un certo splendore e si è caratterizzata tra le sue vecchie mura”.

Per i programmi della Giornata europea della Cultura ebraica in Italia visitate il sito Ucei, per i programmi in Europa visitate il sito Jewish Heritage

Menu