La rivolta del ghetto di Varsavia

Morto l’ultimo sopravvissuto alla Rivolta del Ghetto di Varsavia

di Redazione

Leon Kopelman, l’ultimo sopravvissuto noto alla rivolta del ghetto di Varsavia del 1943 contro i nazisti tedeschi, è morto venerdì all’età di 97 anni. (Nella foto un dettaglio del monumento agli eroi della Rivolta del Ghetto di Varsavia).

Kopelman è nato in Polonia nel 1924. Quando i nazisti occuparono il paese e fondarono il ghetto di Varsavia, la sua famiglia fu costretta in una piccola casa nella prigione a cielo aperto.

Durante la sua permanenza lì, Kopelman divenne attivo nell’esercito ebraico sotterraneo che resistette alle deportazioni ebraiche nei campi di sterminio. La Zydowska Organizacja Bojowa, o ZOB, è stata costituita nell’estate del 1942 durante un’ondata di due mesi di deportazioni verso il campo di sterminio di Treblinka, secondo Yad Vashem.

Leon Kopelman da ragazzo

Leon Kopelman in una foto recente

Ho combattuto nel ghetto di Varsavia dopo l’inizio delle Aktions, quando i tedeschi hanno iniziato a portare gli ebrei all’annientamento. Nel 1942, quando avevo 18 anni e mia madre 40, fu portata a Treblinka. Un giorno sono tornato dal lavoro per i tedeschi e lei se n’era andata”, ha detto Kopelman a Ynet news nel 2018.

Si unì alla più grande rivolta degli ebrei durante la seconda guerra mondiale, uccidendo soldati tedeschi nel ghetto in battaglie prima dello scontro finale nell’aprile 1943.

Kopelman fu catturato dai nazisti e invece di essere mandato a Treblinka con gli altri combattenti, fu mandato a lavorare come meccanico in un’officina di Varsavia, dopo aver mentito sulla sua esperienza, cosa che gli salvò la vita.

Fu liberato dai combattenti della resistenza polacca nel settembre 1944 e si unì a loro nei loro sforzi contro i nazisti tedeschi.

Kopelman alla fine utilizzerà documenti di identità falsi per raggiungere l’Italia e poi imbarcarsi su una nave illegale diretta in Israele dove è stato ricongiunto con sua sorella e suo padre. Si è unito alle forze di difesa israeliane e ha combattuto nella guerra d’indipendenza nel 1948.

Incontra poi sua moglie e cresce una famiglia numerosa, che secondo lui fu la sua più grande vittoria sui nazisti.

Sua moglie, Hava, con cui era sposato da quasi 70 anni, è morta diversi mesi fa. Lasciano tre figli, nove nipoti e tre pronipoti.

Inizialmente si pensava che Simcha Rotem fosse l’ultimo combattente sopravvissuto alla rivolta del ghetto di Varsavia fino a quando Kopelman non disse che anche lui era un combattente. Rotem è morto nel 2018.

Menu