Muro del Pianto, rimasto dalla distruzione del Tempi di Gerusalemme

Unesco: la vergogna e il pericolo del negazionismo storico

Mondo

Gerusalemme – Kotel – Il Muro occidentale del Tempio di Salomone

La Comunità Ebraica di Milano fa proprio il testo uscito sul Corriere della Sera a firma Giuseppe Laras. Crediamo che la sua forte denuncia dello scempio culturale perpetrato dall’Unesco ai danni della verità storica sia condivisibile e debba essere oggetto di discussione sia nel mondo religioso sia in quello politico.

Siamo infatti di fronte a un negazionismo storico reso possibile da chi ha preferito rendere omaggio alla forza della protervia invece che alla ragionevolezza della cultura. Brutto segno davvero. Ricordiamo infatti che tutte le persecuzioni ai danni di minoranze sono precedute da parole false e di odio.

Il tentativo di cancellare l’identità giudaico-cristiana dei luoghi santi è un danno che si arreca a tutte le religioni. Così facendo si è solo fatto un piacere ai fanatici e violenti, che da oggi avranno una maggiore legittimazione nel portare avanti i loro deliri di odio. La verità negata è che Gerusalemme e i suoi luoghi santi vedono garantito l’accesso a tutte e le religioni solo da quando sono sotto il governo di Israele. Da Moshe Dayan che appena liberata Gerusalemme aveva subito delegato la gestione dei luoghi santi dell’islam alla Giordania, passando per Netanyahu che ha proibito ai suoi deputati di pregare sul monte del Tempio pur di non irritare i musulmani che reputano sacro anche per loro quel luogo, Israele non smette di lavorare per una gestione condivisa dei luoghi santi nel rispetto di tutti.

Purtroppo da parte arabo-palestinese abbiamo invece appena assistito all’atteggiamento opposto: fiancheggiati da tanti governi europei tra cui il nostro, sono riusciti a delegittimare e riscrivere la Bibbia stessa. Non è con la menzogna e l’ingiustizia che si costruisce la pace. Più spesso, purtroppo, tali parole portano violenza. Speriamo non sia questo il caso, ma tali comportamenti ci preoccupano seriamente.

 

L’Unesco e Gerusalemme, una ferita per l’umanità,
di Rav Giuseppe Laras,
Presidente del Tribunale rabbinico Centro Nord Italia

Caro direttore, infamie e verità negate. Riguardo alle delibere Unesco e Onu sull’importanza di Gerusalemme per Ebraismo, Cristianesimo e Islam, si vorrebbe pensar bene. Invece, circa il Monte del Tempio, i nomi appaiono solo in arabo e la pregnanza spirituale riconosciuta è solo islamica. Inoltre, compaiono riferimenti unilaterali alle violenze da parte ebraica, senza menzione alcuna circa i terroristi islamici e le efferatezze di cui, da sempre, sono vittime gli israeliani. Uno sguardo, infine, ai Paesi firmatari, per lo più islamici, molti dei quali non democratici, almeno per come è inteso in Occidente tale aggettivo; Paesi in cui è sconsigliabile e pericoloso appartenere a minoranze religiose (pena sottomissione o persecuzione), essere donna o gay.

 

La domanda è semplice: il Monte del Tempio è un sito solo islamico? Il muftì di Al-Aqsa, M. A. Hussein, sostiene addirittura che non sia mai esistito alcun Santuario sul Monte del Tempio, ma solo una moschea. Da sempre! E così, nella dichiarazione Onu-Unesco, la passata e presente memoria ebraica del Tempio scompare, nonostante Salomone, Erode, l’ebreo Gesù di Nazareth che vi pregò e i Romani che lo distrussero; nonostante migliaia di ebrei abbiano nei secoli successivi, non appena veniva concesso loro, continuato a recarvisi e a pregarvi; nonostante Karl Marx si sia lamentato per come i musulmani colà affliggessero gli ebrei; nonostante Freud, Einstein, Wiesel, Levinas, Buber e tanti altri (in teoria molto amati dagli occidentali); nonostante Shimon Peres, per cui i governanti italiani hanno versato lacrimucce. Meno male che, prima che della pace, Peres si preoccupò della sicurezza di Israele! La preghiera alla Spianata è riservata ai musulmani, che l’hanno interdetta a cristiani ed ebrei (a differenza del Muro, accessibile a chiunque). Perché alcuni ebrei potessero pregarvi, è stato necessario proteggerli con l’impiego di militari. Assieme ai check-point per contenere gli attentati e agli studi biblico-archeologici in loco, che — quale stranezza! — rinvengono reperti della storia ebraica, questi sarebbero i crimini degli israeliani controllanti il sito.

 

E che dire del luogo (Hebron) ove sono sepolti Abramo, Isacco e Giacobbe — i Patriarchi del popolo ebraico — , definito con nomenclature solo islamiche? Dietro alla clamorosa infamia politico-ideologica perpetrata, dimora un assunto teologico che i Paesi musulmani firmatari non dichiarano: secondo la loro tradizione religiosa, Abramo avrebbe legato sul Monte Moriah Ismaele e non Isacco, e la Bibbia, alterata a loro avviso dagli ebrei, risulterebbe falsa e ogni pretesa ebraica, dunque, illegittima. La Bibbia precede di secoli il Corano e la storia ebraica e cristiana, come pure ellenistica, romana e bizantina, narra ben altri fatti, comprovati peraltro da testimonianze archeologiche e filologiche. Per il muftì, invece, c’è la moschea dall’origine del mondo! Questo è il cul de sac in cui ci troviamo: la necessità di garantire degna libertà di culto a tutti e drammatiche omissioni più chiare di mille parole, almeno per chi sa leggerle.

 

A peggiorare le cose, ecco i Paesi europei (Italia inclusa), con la morale astensionistica (anzi anti sionistica!), con cittadini musulmani da ingraziarsi più numerosi degli ebrei, con i ricatti economici dei Paesi islamici e, prima di tutto, con un’assordante pusillanimità culturale e morale. E i cristiani europei, i rappresentanti e le forze politiche dove sono? È nobile e doveroso l’impegno per la pace (che noi ebrei condividiamo). Ne consegue che è parimenti nobile e doveroso affrontare il reale con le sue difficoltà e spigolature: tacere sulla santità e significanza del Monte del Tempio per gli ebrei, è tacerlo anche in relazione al Cristianesimo. Anzi, negando agli uni ciò, lo si nega ai secondi, facendone rovinare a terra l’edificio religioso e simbolico. Ma anche da questi pulpiti silenzi e buonismo imperante. Dissimulato marcionismo di ritorno? Devo dedurre che il dialogo ebraico-cristiano è stato ed è una farsa? La storia attesta che, quando dominata da cristiani o musulmani, Gerusalemme spesso risultò inaccessibile ai due restanti monoteismi. Pur con difficoltà e limiti, è divenuta città accogliente qualunque pellegrino (come pure chi non ha fede) solo da quando c’è lo Stato di Israele, e questo è un dato incontrovertibile.

 

Se si può negare il riferimento specifico fondamentale e fondante del Monte del Tempio all’Ebraismo e agli ebrei, si può negare tutto, radicalmente, e cancellare, dopo la storia e le sue evidenze, gli esseri umani. Negazionismo sub utraque specie. E può accadere ovunque e non solo agli ebrei! Israele si conferma necessario e indispensabile freno a tale abominio, ed è doveroso l’appoggio dei Paesi liberi, altrimenti in contraddizione con loro stessi. Infine, se l’Italia non è riuscita a essere ferma su questo (sconfessando Spadolini e altri), mi chiedo come possa essere un credibile «agente di pace» in Medio Oriente. Da superstite della Shoah, da italiano e da ebreo, dinanzi a tale sì vile e infamante astensione, ritengo che, signori politici italiani, alle Giornate della Memoria e della cultura ebraica, dovreste starvene a casa vostra e non nausearci con discorsi melensi e ipocriti, per di più postumi, sconfessati dalle vostre stesse pratiche.

CORRIERE della SERA 20/10/2016, pag. 29

Menu