Bandiere dell'Ue (foto Amio Cajander via Wikimedia Commons)

I 27 Paesi dell’UE adottano una dichiarazione contro la crescita dell’antisemitismo

Mondo

di Redazione
Il Consiglio dell’Unione europea ” ha adottato mercoledì 2 dicembre una dichiarazione in cui si impegna a intensificare la lotta contro l’antisemitismo e proteggere la vita ebraica nel continente.

Come riportato  da The Algemeiner la scorsa settimana, i leader dell’UE hanno deciso di rilasciare la dichiarazione come mezzo per stabilire “un approccio uniforme all’interno della comunità internazionale contro ogni forma di ostilità nei confronti degli ebrei”.

La dichiarazione di sei pagine pubblicata dal Consiglio dell’Unione Europea afferma che “l’antisemitismo, in qualsiasi forma, è e deve rimanere inaccettabile e devono essere prese tutte le misure per contrastarlo, anche, se necessario, attraverso misure legali a livello europeo”.

Ha sottolineato che “gli Stati membri dell’Unione europea sostengono iniziative politiche a livello europeo che mirano a combattere l’incitamento all’odio antisemita e agli atti di violenza, nonché la diffusione online di miti della cospirazione antisemita”.

La dichiarazione ha riconosciuto che la pandemia di coronavirus in corso sta alimentando teorie cospirative antisemite particolarmente pericolose, in particolare sui canali dei social media.

“L’aumento delle minacce alle persone ebraiche in Europa, inclusa la rinascita dei miti della cospirazione, le espressioni pubbliche di antisemitismo, specialmente nel contesto della pandemia COVID-19, e un aumento degli incidenti antisemiti e dei crimini d’odio è motivo di grande preoccupazione“, la dichiarazione ha dichiarato.

Il consiglio ha evidenziato la centralità della definizione di antisemitismo utilizzata dall’International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA) in ambito educativo e giudiziario, sollecitandone l’adozione uniforme.

“Accogliamo con favore il fatto che 18 Stati membri abbiano già dato seguito alla dichiarazione del Consiglio del 6 dicembre 2018 approvando la definizione di lavoro dell’IHRA come utile strumento di orientamento nell’istruzione e nella formazione”, afferma la dichiarazione. “Gli Stati membri che non l’hanno ancora fatto sono invitati a unirsi agli altri Stati membri e ad approvare la definizione di lavoro dell’IHRA il prima possibile”.

I leader ebrei hanno accolto con favore la dichiarazione come una pietra miliare nella lotta contro l’antisemitismo, che è aumentato notevolmente di anno in anno nella maggior parte degli Stati membri dell’UE nell’ultimo decennio.

“L’Europa ha un serio e terrificante problema di antisemitismo, ed è ora che l’Unione Europea, i suoi Stati membri e le autorità locali indirizzino risorse reali ad essa”, ha detto in un comunicato Ronald Lauder – presidente del World Jewish Congress (WJC).

“L’adozione di questa dichiarazione da parte del Consiglio dell’Unione europea dimostra che la Germania durante la sua presidenza del Consiglio e la leadership dell’UE nel suo insieme riconoscono il pericolo che l’antisemitismo e l’odio creano e la minaccia per la società e la sicurezza se non affrontati”, ha aggiunto.

Il rabbino Pinchas Goldschmidt – presidente della Conferenza dei rabbini europei – è stato più circospetto, affermando: “La dichiarazione adottata oggi dall’UE per universalizzare la lotta all’antisemitismo è un gradito passo nella giusta direzione. Tuttavia, mentre la lotta contro l’estremismo e i gruppi di estrema destra deve intensificarsi, siamo costernati che il progetto non protegga i costumi e le pratiche delle comunità religiose che operano pacificamente e fedeli ai valori dell’UE. Senza una garanzia di libertà di fede per le comunità ebraiche in Europa, non vi è alcuna garanzia per un futuro ebraico”.

(Foto: Amio Cajander via Wikimedia Commons)

Menu