Svezia. Gruppo neonazista minaccia media locali per il Giorno della memoria

Mondo
Una copertina del giornale svedese Dagdablet
Una copertina del giornale svedese Dagdablet

Un gruppo neonazista svedese ha avvertito alcuni giornali e stazioni di una radio locale di non  scrivere del Giorno della Memoria. Nella notte, lo Swedish Resistance Movement (Movimento di resistenza svedese) ha lasciato un comunicato e cordonato l’ingresso alle redazioni con un nastro di plastica sul quale era presente il logo dell’organizzazione.

Tra i giornali minacciati ci sono il ‘Dagbladet‘ e il ‘Sundsvalls Tidning‘, entrambi pubblicati a Sundsvall, nel centro della Svezia.

«Abbiamo presentato una denuncia alla polizia», ha spiegato Patricia Svensson,  aporedattore del Dagbladet. Ma ad essere presi di mira sono stati anche gli uffici della Radio svedese nella città settentrionale  di Umea e a Falun, a nordovest della capitale Stoccolma. Tuttavia,  dalla sede di Falun, Johannes Rosendahl ha fatto sapere che
l’emittente funzionerà come al solito.

Nastri di plastica sono stati avvistati anche in un liceo di Karrtorp, sobborgo di Stoccolma. La scuola aveva tenuto delle giornate tematiche sull’Olocausto in vista del 70esimo anniversario della liberazione dell’ex campo di concentramento nazista di Auschwitz.

Menu