Nuovo sindaco pakistano di Londra filosemita? Comincia difendendo Israele e la Memoria della Shoah

Mondo

di Roberto Zadik

khan
Saddiq Khan, neo-sindaco di Londra, con il rabbino capo della Gran Bretagna Rav Ephraim Mirvis

Periodo complesso a livello internazionale anche se, per fortuna, qualche sorpresa positiva non manca. Ad esempio, in questi giorni c’era grande preoccupazione, specialmente nel mondo ebraico, per l’elezione di Saddiq Khan, politico di origine pakistana come sindaco di Londra. A tranquillizzare gli animi, almeno per adesso, ci pensa il sito Times of Israel che  racconta della sua partecipazione e della solidarietà verso gli ebrei in occasioni delle annuali celebrazioni di Yom HaShoah.

Il primo cittadino londinese, primo sindaco musulmano della storia politica britannica, giovedì scorso ha partecipato alla commemorazione, ricordando i milioni di ebrei, inglesi e europei, uccisi a causa della Shoah. Descritto dall’opposizione conservatrice come un estremista islamico sottolineando i presunti episodi di antisemitismo nel suo Partito Laburista, il suo atteggiamento ha mostrato il contrario. Stando a quanto ha riportato il prestigioso quotidiano inglese The Guardian, durante la cerimonia, Khan ha sottolineato “mi sento onorato di cominciare la mia missione politica con un evento tanto importante dove incontro i sopravvissuti e i profughi scampati all’inimmaginabile orrore della Shoah.”

L’evento si è tenuto dentro uno stadio di Rugby che ha riunito migliaia di membri della comunità ebraica londinese, inclusi più di 150 sopravvissuti alla Shoah e un coro di ragazzi appartenenti alle classi elementari di cinque scuole ebraiche della capitale. “Ho avuto il privilegio e l’emozione di incontrare i sopravvissuti, i loro figli e i nipoti” ha aggiunto il neo sindaco dopo aver incontrato il Rabbino Capo londinese, Rav Ephraim Mirvis e Mark Regev, Ambasciatore d’Israele nel Regno Unito si è espresso su Twitter. “Fondamentale riflettere, ricordare e educare riguardo ai 6 milioni di ebrei scomparsi nell’Olocausto” ha scritto Khan sul social.

Le reazioni al suo discorso sono state diverse e variegate. Alcuni erano venuti alla cerimonia solo per incontrare il primo leader musulmano londinese, molti altri hanno applaudito il suo discorso affermando di essere stati offesi da recenti commenti antisemiti attribuiti a diversi esponenti del Partito Laburista.

Diverse opinioni sono state espresse anche dagli ebrei londinesi. “Tanta gente diceva che dopo la vittoria del sindaco musulmano, gli ebrei avrebbero dovuto fare l’aliyah ma non penso che ci siano rischi” ha detto Mariam Mendelsohn, 78 anni. “Il nuovo sindaco sembra una persona molto umana e gentile” ha aggiunto la donna. Regev ha invece puntualizzato su Twitter “conservare la memoria dell’Olocausto è più importante di tutto il resto per ricordare dove può portare l’odio più antico della storia umana. Israele è aggredito dagli stessi insulti e calunnie che contro gli ebrei si scagliano da tempo immemore. . Le scritte antisemite di Hamas non sono diverse dai Protocolli dei Savi di Sion che accusarono gli ebrei di essere i responsabili di entrambe le guerre”.

Appena eletto settimana scorsa, Saddiq Khan si descrive come un musulmano moderato, figlio di un autista d’autobus pakistano, e nella sua campagna elettorale presso la Comunità ebraica ha promesso di essere “un sindaco musulmano che si batterà duramente contro l’estremismo” e ha criticato i membri del suo partito per non aver fatto abbastanza per contrastare l’antisemitismo.

Menu