Rav Davidovich, rabbino capo di Argentina

Argentina: aggredito in casa il rabbino capo Gabriel Davidovich, le condizioni sono gravi

Mondo

di Redazione
Il rabbino capo dell’Argentina è stato ricoverato in ospedale in gravi condizioni lunedì dopo essere stato picchiato durante un’invasione domestica lunedì 25 febbraio. L’attacco al rabbino Gabriel Davidovich nel quartiere di Once di Buenos Aires è stato condannato dai gruppi ebraici come un attacco antisemita.

Gli aggressori, che sono entrati nella casa di Davidovich nelle prime ore dell’alba, hanno gridato “Sappiamo che sei il rabbino dell’AMIA”, mentre lo picchiavano, secondo quanto riportato dalla stampa locale.

Il rabbino è stato ricoverato in ospedale con diverse costole fratturate e un polmone perforato, ha riferito La Nacion. I resoconti della stampa in lingua ebraica riportavano le sue condizioni come “serie”.

Il gruppo ombrello della comunità ebraica della DAIA ha definito l’attacco antisemita e ha sollecitato le autorità ad agire, collegandolo agli attacchi antisemiti in Europa. Anche il gruppo locale di Avoda Labour ha descritto l’attacco come antisemita.

L’amministratore delegato del World Jewish Congress e il vicepresidente esecutivo Robert Singer hanno affermato che l’individuazione di Davidovich come ebreo è “inquietante e preoccupante”.

“Non è ancora chiaro se si tratti di un reato mirato di odioso antisemitismo o di un barbaro atto criminale, ma confidiamo che le autorità continueranno a fare tutto ciò che è in loro potere per determinare il movente e consegnare i colpevoli alla giustizia”.

Sharon Nazarian, funzionario dell’ADL, ha esortato “le autorità governative a indagare rapidamente su questo attacco odioso e chiedere ai leader della fede e ad altri funzionari di condannare questo crimine di odio judeofobico”.

L’Argentina ospita circa 200.000 ebrei, la maggior parte a Buenos Aires. Durante il fine settimana, le pietre tombali in un cimitero ebraico nella sezione di San Luis della capitale sono state vandalizzate.

A novembre, alcuni tifosi di calcio di una squadra argentina avevano cantato “uccidere gli ebrei per fare sapone” durante una partita contro una squadra storicamente associata alla comunità ebraica.

Menu