Museo ebraico di Porto

Al Museo Ebraico di Porto una nuova sala sull’antisemitismo

di Ilaria Ester Ramazzotti
Al Museo Ebraico di Porto in Portogallo sarà inaugurata il prossimo 31 marzo, Giornata nazionale della Memoria delle vittime dell’Inquisizione, una nuova sala espositiva sull’antisemitismo con l’obiettivo di diffonderne caratteristiche e consapevolezza. Nella nuova ‘sala antisemita’ verranno così esposte le statue di alcuni moderni antisemiti e mostrate le rispettive idee e pubblicazioni. Ne parla questa settimana il Jerusalem Post.

Il Museo Ebraico di Porto fa parte delle strutture e delle proposte della Comunità ebraica della città lusitana, che prevedono anche visite scolastiche alla locale sinagoga Kadoorie Mekor Haim, la proiezione di film sulla storia degli ebrei in Portogallo e corsi per insegnanti delle scuole secondarie e per gli interessati ai temi dell’ebraismo. Rivolgendosi in particolare ai giovani, si accosta al Museo dell’Olocausto di Porto, che a sua volta investe nella didattica, nella formazione professionale degli educatori, nella promozione di mostre e nel sostegno alla ricerca storica.

“È importante che gli studenti delle scuole portoghesi non associno gli antisemiti solo a skinhead e jihadisti – ha detto su You Tube Vivian Groisman del dipartimento culturale della Comunità Ebraica di Porto -. Gli antisemiti appartengono a tutte le fazioni politiche e religiose e hanno una percezione negativa degli ebrei, dell’ebraismo o di Israele, che percepiscono sempre come una minaccia per gli altri popoli”.

La nuova sala sull’antisemitismo sarà ampia 100 metri quadri si aggiungerà alle altre sale espositive dedicate alla storia degli ebrei sefarditi, della comunità ebraica portoghese e a temi specifici.