Bandiera di Israele

Pochi israeliani sostengono le proposte su religione e Stato dei partiti al governo

di Redazione
Meno di un terzo degli israeliani sostiene le principali proposte di legge su religione e Stato, avanzate dai partiti che dovrebbero far parte della prossima coalizione di governo, secondo un sondaggio pubblicato venerdì dall’Israel Democracy Institute. 750 cittadini israeliani sono stati interrogati su sette proposte legislative avanzate da membri della futura coalizione di governo. Cinque di queste proposte riguardavano questioni religiose, una con il ruolo dei consulenti legali del governo e una con gli insediamenti. Nessuno delle sette ha ricevuto più del 40% di supporto.

L’annullamento di una riforma adottata dalla precedente Knesset, volta a privatizzare la certificazione della kashrut; Maggiori benefici per gli studenti yeshivot; Abrogazione della clausola “nipoti” della Legge del Ritorno che consente a chiunque abbia almeno un nonno ebreo di ottenere la cittadinanza israeliana; Separazione di genere in occasione di eventi sponsorizzati dallo stato; Annullare il riconoscimento delle conversioni non ortodosse per ottenere la cittadinanza israeliana.

La separazione di genere negli eventi organizzati dallo stato è sostenuta dal 28% di israeliani, ebrei e arabi, mentre il 52,7% degli intervistati di destra la sostiene. L’annullamento del riconoscimento delle conversioni non ortodosse è sostenuto dal 30,5% degli israeliani, la rimozione della “clausola dei nipoti” del 29%, l’aumento dei benefici per gli studenti yeshivot del 25% e l’annullamento della riforma kashrut del 28%.

Il 39% degli intervistati si è dichiarato favorevole a consentire ai ministri di nominare i propri consulenti legali e il 36% ha affermato di essere favorevole a consentire retroattivamente gli avamposti costruiti illegalmente.