La strategia dell’esercito israeliano per la Terza Intifada

di Ilaria Myr

zahal
Soldati israeliani in addestramento vicino a Betlemme

L’esplosione di quella che viene chiamata Terza Inftifada, in corso negli ultimi giorni in molte città di Israele – in primis Gerusalemme, ma anche Ra’anana, Kiriat Gat, Tel Aviv – porta l’attenzione sulla strategia dell’esercito israeliano nei confronti di un’escalation del terrore, come quella in corso.

Come riporta Ynet, già da anni Zahal è impegnata nell’elaborazione di simili scenari. Da due anni, infatti, la divisione di Giudea e Samaria da due anni si sta preparando per scontri e scenari di ‘vera intifada’.

Quasi tutti i comandanti della brigata regionale iniziano il loro mandato con una settimana di esercizio di reggimento. All’inizio dell’anno, la divisone di Giudea e Samaria ha svolto un esercizio generale di tutto lo staff che simulava un’escalation totale.

Dal 2011, poi, l’esercito si è preparato per una terza Intifada una volta l’anno, anche se le strade palestinesi sono rimaste tendenzialmente stabili, eccetto in periodi di violenza come l’operazione Pilastro di difesa e Scudo protettivo.

Oltre agli esercizi militari, vi sono sette  principi chiave che guidano la strategia dell’esercito israeliano in caso di un peggioramento degli scontri:

  • implementazione immediata di migliaia di combattenti regolari da campi di addestramento e da divisioni regionali entro 12 a 24 ore .
  • Preservare la politica di contenimento in caso di disturbi e riducendo al minimo le perdite Palestinesi, con un focus sull’utilizzo di mezzi non letali, come gas lacrimogeni e proiettili di gomma .
  • Ufficiali junior e di medio livello , piuttosto che i soldati, dovrebbero essere situati nella parte anteriore e prendere decisioni relative alle manifestazioni.
  • uso proporzionato del coprifuoco se necessario e secondo solo considerazioni operative, separando la popolazione palestinese dai terroristi.
  • implementazione diffusa di punti di controllo durante un avviso di un attacco terroristico o di una fuga di un terrorista.
  • Dare priorità alla formazione ed esercitazioni operative per battaglioni di riserva, da distribuire con rapidità nel caso di una significativa escalation.
  • Non tollerare, soprattutto nel caso degli ufficiali, gli episodi di violenza da parte di attivisti di destra contro i palestinesi o soldati, e arrestarli fino all’arrivo della polizia.

Alcuni esercizi simulano scenari come ad esempio un’autobomba che esplode accanto a un autobus pieno di studenti ebrei, così come un minibus pieno di turisti europei che incontra accidentalmente una violenta protesta a Betlemme.

Un esercizio simula 400 rivoltosi palestinesi che cercano di attaccare l’insediamento ebraico di Hebron, mentre un terrorista spara alla Polizia di frontiera come tattica diversiva. In questa simulazione, le forze dovevano circondare Hebron per impedire la fuoriuscita della mente dell’attacco.

Un altro scenario affrontato è il trinceramento di quattro terroristi con ostaggi in una yeshivà di uno degli insediamenti ebraici.
In questi esercizi , i soldati che si sono formati sono stati quelli che hanno affrontato le rivolte: un fenomeno, questo, che è attualmente all’ordine del giorno.