Audrey Azoulay

Israele notifica la sua uscita dall’Unesco. Azoulay: “Sono rammaricata”

Israele

di Redazione
“Sono profondamente rammaricata per la decisione di Israele di uscire dall’Unesco. È quanto ha dichiarato in un comunicato stampa il direttore generale dell’Unesco, Audrey Azoulay, in carica da novembre, dopo avere ricevuto la notifica formale dell’uscita di Israele dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura.

Per la signora Azoulay, “è all’interno dell’UNESCO, e non al di fuori di esso, che gli Stati possono agire al meglio per aiutare a risolvere le controversie che riguardano le aree di competenza dell’organizzazione”.

Israele, “membro dell’UNESCO dal 1949”, ha “tutto il suo posto (…) all’interno di un’istituzione impegnata nella difesa della libertà di espressione, nella prevenzione dell’antisemitismo e del razzismo sotto tutte le sue forme e ha sviluppato un programma unico per insegnare la memoria dell’Olocausto e prevenire il genocidio “, ha affermato la signora Azoulay, sottolineando anche il ruolo dell’istituzione” nel dialogo tra culture e di lotta contro l’estremismo violento”.

Il 12 ottobre, subito dopo che gli Stati Uniti hanno annunciato il suo ritiro dall’UNESCO, Israele ha riferito una decisione simile, accusando l’organizzazione di pregiudizi anti-israeliani e definendola “il teatro della guerra”. ‘assurdo dove distorciamo la storia invece di preservarla’. Un doppio ritiro poi visto come un “colpo” per l’organizzazione multilaterale con sede a Parigi dal direttore generale uscente, la bulgara Irina Bokova.

L’incendio si stava preparando da diversi anni sullo sfondo delle controverse posizioni dell’UNESCO su Gerusalemme ed Hebron, difese dai paesi arabi. Nel 2011, l’ammissione della Palestina all’UNESCO ha approfondito la crisi e portato alla sospensione dei contributi finanziari da Israele e Stati Uniti, pari a quasi un quarto del budget dell’agenzia.

Dopo il suo ritiro, che non sarà effettivo fino alla fine del 2018 in conformità con gli statuti dell’Unesco, Washington desidera rimanere osservatore.

Menu