Israele torna nello spazio. Svelata l’identità del nuovo astronauta

Israele

di Paolo Castellano
Un ex-pilota israeliano di caccia militare, Eytan Stibbe, partirà per una missione sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) nel 2021. La notizia è stata diffusa il 16 novembre durante una piccola cerimonia avvenuta presso la residenza del presidente d’Israele Reuven Rivlin. Stibbe sarà dunque il secondo astronauta israeliano a viaggiare fuori dall’atmosfera terrestre.

Il 62enne Eytan Stibbe ha dichiarato di essere molto emozionato per l’opportunità che gli è capitata, aggiungendo un ricordo del collega e amico Ilan Ramon, il primo astronauta israeliano che morì dopo l’esplosione della sua navetta Columbia durante il viaggio di ritorno sulla Terra. Come riporta il Jerusalem Post, l’incidente si verificò 17 anni fa, nel febbraio del 2003.

«L’ISS è una delle migliori opportunità di collaborazione al mondo, dove gli astronauti di molti paesi vivono e lavorano insieme. Questo segno di amicizia è davvero vitale, soprattutto nel periodo di Coronavirus», ha detto Stibbe.

Leggi anche: Ofek 16. Lanciato in orbita il satellite per la sicurezza d’Israele

All’evento, hanno inoltre partecipato il presidente della fondazione Ramon Ran Livne, il ministro israeliano della Scienza e della Tecnologia Izhar Shay, il figlio del primo astronauta Tal Ramon e il vicedirettore della divisione spaziale Israel Aerospace Industries Inbal Kreiss.

Secondo le comunicazioni ufficiali, nel 2021 dovrebbe avvenire l’iniziativa aerospaziale Axiom Space, che sarà guidata da Michael Eladio López-Alegría, un astronauta americano con una lunga esperienza di viaggi spaziali. Stibbe parteciperà a questa storica missione scientifica. Sulla stazione internazionale, l’israeliano testerà alcune tecnologie made in Israel e farà degli esperimenti scientifici nello spazio.

«Questo è un giorno di festa nazionale e di immenso orgoglio. Un pilota israeliano, con la bandiera bianca e blu ricamata sull’uniforme, sta dimostrando ancora una volta, come abbiamo fatto i questi ultimi 72 anni, che i cieli non sono un limite», ha sottolineato il presidente Rivlin.

Menu