Israele: il Mossad compie 65 anni

di

mossad
Il premier israeliano Beniamin Netanyahu e il responsabile del Mossad Tamir Pardo alla cerimonia per i 65 anni dell’Agenzia

Il primo ministro israeliano Beniamin Netanyahu ha partecipato  giovedì 24 settembre alla cerimonia di celebrazione dei 65 anni del Mossad. Insieme al premier, vi erano anche il ministro dell’informazione Yisrael Katz e il direttore del Mossad Tamir Pardo.

Evocando la difficoltà delle missioni dell’Istituto di sicurezza, Netanyahu ha dichiarato: “Non possiamo risolvere i problemi fondamentali  del Medio oriente nati ultimamente e oggi abbiamo due nemici: il radicalismo islamico sciita condotto dall’Iran e dai suoi alleati, e il radicalismo sunnita, attualmente diretto dallo Stato islamico”. Il premier ha quindi sottolineato l’importanza del lavoro del Mossad, ricordando che esiste “una regola chiara: nessuno tratta con il debole. La vera difesa del nostro Paese dalla sua nascita e da 65 anni, in cui esiste il Mossad, è questo potere dello Stato di Israele. È questa potenza che coltiviamo”.

“Di fronte al mondo in costante mutamento, Israele deve essere una superpotenza, Non soltanto una potenza regionale, ma per alcune regioni: una potenza mondiale. Questo non può che rinforzare la nostra capacità tratte beneficio dalle nostre relazioni con i responsabili nella regione e con gli altri attori al di fuori di essa”.

Netanyahu ha dunque insistito sul ruolo « essenziale e insostituibile » del Mossad nel contribuire a che Israele mantenga il suo ruolo di potenza regionale e mondiale, sottolineando che questa posizione è in definitiva “la garanzia della nostra esistenza”.

Netanyahou a par ailleurs insisté sur le rôle “essentiel et irremplaçable” du Mossad dans la capacité d’Israël à maintenir sa position de puissance régionale et mondiale, soulignant que c’est cette position qui est finalement, “la garantie de notre existence.”

Il direttore del Mossad Tamir Pardo ha poi sottolineato che, nonostante le tecnologie sofisticate utilizzate in numerose azioni dell’agenzia, « nessuna di esse sarebbe stata possibile senza i suoi agenti ».

Negli anni il Mossad ha subito grandi cambiamenti: oggi il 40% dei suoi impiegati sono donne, 24% delle quali ricopre ruoli di grande responsabilità.

entebbe
Il 4 luglio del 1976 il Mossad libera gli ostaggi israeliani ed ebrei a Entebbe (Uganda) durante un’operazione diventata storica

Il Mossad è stato creato il 13 dicembre del 1949 sotto richiesta del primo ministro David ben Gurion, e negli anni è stato protagonista di importanti azioni per la difesa dello Stato di Israele, alcune delle quali diventate memorabili. Una su tutte la liberazione degli ostaggi all’areoporto di Entebbe in Uganda.