Ebrei ultraortodossi a Gerusalemme (foto Pixabay)

Israele: entro il 2050 un cittadino su 4 sarà ultraortodosso

Israele

di Redazione
Quasi un quarto della popolazione israeliana sarà ultra-ortodossa entro il 2050, secondo le proiezioni del Consiglio economico nazionale israeliano.

Si prevede che l’attuale popolazione israeliana di 9,2 milioni crescerà del 70% fino a quasi 16 milioni entro il 2050. Di questi 16 milioni, circa un quarto, o 3,8 milioni, secondo le proiezioni del Consiglio economico nazionale israeliano saranno ultra-ortodossi. Gli ebrei ultraortodossi rappresenteranno quasi un terzo della popolazione ebraica di Israele.

La popolazione araba salirà a 3,24 milioni e continuerà a rappresentare circa il 20% della popolazione totale.

I nuovi dati sulla popolazione indicano un futuro in cui la popolazione ebraica di Israele continua a costituire circa l‘80% della popolazione nazionale, ma in cui quella popolazione ebraica è molto più ultra-ortodossa di prima.

Attualmente, la popolazione ultra-ortodossa di Israele costituisce il 12,6% della popolazione. Entro il 2050, questa cifra salirà al 24% della popolazione totale, ha affermato il consiglio.

La maggior parte di questa crescita deriverà dal tasso di natalità della comunità ultra-ortodossa di 6,7 bambini per donna, molto più alto delle famiglie ebree non ultra-ortodosse. In tutti i settori della popolazione, gli israeliani di età pari o inferiore a 19 anni costituiranno oltre un terzo della popolazione.

Si prevede che la maggior parte degli ebrei ultra-ortodossi di Israele rimarrà concentrata a Gerusalemme e nei suoi dintorni, nonché nella città di Beit Shemesh. Ma si prevede che la popolazione ultra-ortodossa crescerà anche nel sud di Israele, dove è in fase di progettazione una nuova città ultra-ortodossa, e in misura minore nel nord.

Tel Aviv e le città e i sobborghi circostanti continueranno a essere l’area più popolosa del paese. Quella zona vedrà anche un forte aumento del numero di persone anziane, con il numero di persone di età superiore ai 65 anni che raddoppierà circa.

Si prevede che la crescita della popolazione del paese in tutti i settori porrà maggiori richieste al patrimonio abitativo del paese, già considerato insufficiente per le attuali esigenze della popolazione, nonché ai sistemi di trasporto e al sistema educativo.

Lo studio, un aggiornamento di uno pubblicato nel 2017, è stato pubblicato ad agosto ed è stato riportato da Haaretz questa settimana.

 

Menu