Aeroporto di Ben Gurion : la riapertura ai turisti è stata rimandata al 1 agosto

Israele: crescono i contagi. Rimandata la riapertura ai turisti al 1 agosto

Israele

di Redazione
Due giorni fa il Ministero dell’Interno di Israele aveva annunciato che dal 1° luglio sarebbe stato ammesso l’ingresso ai turisti vaccinati anche non in gruppo. Ma in seguito alla crescita dei contagi da Covid-19, il neoeletto primo ministro Naftali Bennett ha deciso di rimandare l’ingresso al 1 agosto, a condizione che non accada nulla di imprevisto e non si verifichi un ulteriore aumento. Lo riporta il Jerusalem Post.

Contagi in aumento

“Il nostro obiettivo in questo momento, prima di tutto, è proteggere i cittadini di Israele dalla variante Delta che imperversa nel mondo”, ha affermato Bennett. “Allo stesso tempo, vogliamo ridurre il più possibile l’interruzione della vita quotidiana nel Paese. Pertanto, abbiamo deciso di agire il prima possibile, sin da subito, per non pagare un prezzo più alto in seguito, adottando azioni responsabili e rapide. Dipende da noi. Se aderiamo alle regole e agiamo in modo responsabile, ce la faremo insieme”.

Nei giorni scorsi il Paese è stato colpito dalla variante Delta, che ha provocato un aumento dei contagi in città come Modi’in e Binyamina. Al momento, circa 250 studenti e 50 insegnanti in Israele sono risultati positivi al virus. Attualmente ci sono circa 554 casi attivi nel paese. Il numero in precedenza era sceso sotto i 200. Al suo record lo scorso inverno, la cifra era di oltre 85.000.

Martedì 22 Israele sono stati registrati circa 111 nuovi casi di coronavirus, in leggera diminuzione rispetto al giorno precedente, quando erano stati identificati 125 nuovi portatori di virus, ma comunque un numero elevato rispetto alle settimane precedenti. A partire dalle 17:00 mercoledì erano già stati identificati i 101 nuovi casi. L’ultima volta che il paese ha oltre 100 nuovi portatori di virus al giorno è stato nel mese di aprile. Dei 110 nuovi casi registrati martedì, circa 14 persone provenivano dall’estero e nove di loro erano completamente vaccinate secondo il ministero della Salute.

A seguito dei focolai e della nuova raccomandazione delle autorità di vaccinare tutti i bambini di età compresa tra 12 e 15 anni, martedì sono state somministrate oltre 7.000 dosi, il numero più alto in oltre un mese. Circa 4.000 sono state le prime dosi ai bambini, circa il doppio rispetto ai giorni precedenti.

Per affrontare il nuovo focolaio, il governo ha deciso di istituire un nuovo gabinetto per la gestione del coronavirus che comprende Bennett, il ministro della Sanità Nitzan Horowitz, il ministro degli Esteri Yair Lapid, il ministro della Difesa Benny Gantz, il ministro delle finanze Avigdor Lieberman, il ministro della Giustizia Gideon Saar, il ministro dell’Interno Ayelet Shaked e altri ministri.

Ripristino di alcune misure di prevenzione

All’inizio della giornata, il ministero della Salute ha annunciato che in situazioni specifiche, alle persone vaccinate o guarite può essere ordinato di entrare in quarantena.

Secondo le normative vigenti, le persone che sono considerate completamente immunizzate (una settimana dopo la seconda vaccinazione o dopo la guarigione dalla malattia) sono esentate dall’isolamento se entrano in contatto con un portatore di virus identificato.

Tuttavia, secondo una nuova direttiva firmata dal direttore generale del ministero Chezy Levy, un medico distrettuale, il direttore generale del ministero della Salute o il capo dei servizi sanitari pubblici potranno richiedere che queste persone si isolino se fossero in contatto con qualcuno infettato da una variante del virus considerata particolarmente pericolosa o da un evento con un effetto morbilità eccezionale. Potrebbero anche aver bisogno di isolarsi se sono regolarmente in contatto con una popolazione ad alto rischio o non vaccinata, o se hanno volato sullo stesso aereo con un portatore di coronavirus identificato.

Inoltre, la nuova direttiva ha ripristinato l’obbligo di indossare la mascherina in aeroporto e nelle strutture sanitarie.

Infine, Horowitz ha affermato che i genitori o i responsabili di un minore di età inferiore ai 12 anni che è tenuto alla quarantena possono ricevere una multa di 5.000 NIS se il minore non rispetta le regole. Come ha spiegato Horowitz al plenum della Knesset, i bambini di età superiore ai 12 anni verranno multati direttamente.

Il ministro ha anche assicurato che i problemi logistici al complesso per i test all’aeroporto di Ben Gurion, che venerdì hanno costretto circa 2.800 passeggeri in arrivo a tornare a casa senza essere sottoposti al test – come è richiesto per tutti coloro che atterrano in Israele – sono stati risolti e che l’applicazione della regolamentazione dei viaggi è in fase di rafforzamento.

Gli israeliani che si recheranno nei paesi soggetti a divieto di viaggio – al momento Argentina, Brasile, India, Russia e Sudafrica – senza ottenere il permesso dall’apposito comitato governativo dedicato a questo scopo, verranno ora multati.

(Foto:Wikimedia Commons, Djampa)

 

Menu