Il governo Bette con l'ex presidente della Repubblica Reuven Rivlin

Governo Bennett: le diverse cause di un fallimento (per molti annunciato)

Israele

di Redazione
Come abbiamo già raccontato, dopo un solo anno, il governo guidato da Bennett verrà sciolto nei prossimi giorni, proiettando il Paese nella quinta tornata di elezioni.

Molte e diverse le cause che hanno portato questa “strana alleanza” di otto diverse forze, molte in contrasto fra loro, al triste epilogo. Un’analisi interessante viene da un articolo di Daniel Haik pubblicato sul sito i24news, che riprendiamo di seguito.

“Antibibismo”, collante insufficiente

Questo governo molto eterogeneo, composto da otto partiti politici, si basava su un’unica base comune: l’eliminazione politica di Benyamin Netanyahu. Una volta compiuta questa missione il 13 giugno 2021, con il voto di fiducia del nuovo governo, la cosa principale è stata fatta! I vertici di questi otto partiti sono rimasti uniti ancora per qualche mese fino al voto sul Bilancio dello Stato nel novembre 2021.

Ma poi, quando è svanita la paura di vedere Bibi tornare al potere, quel collante ha iniziato a sgretolarsi. Ciascuna delle formazioni ha poi cercato di promuovere la propria agenda politica e ideologica, senza sempre tener conto dei suoi partner.

È stato allora che Bennett e il suo primo ministro alternativo, Yair Lapid, si sono trasformati in “vigili del fuoco parlamentari”. Non è trascorsa settimana senza che essi abbiano dovuto estinguere tale incendio parlamentare, o soddisfare le reiterate richieste delle molteplici componenti della coalizione.

L’esperienza senza precedenti e problematica del partito Ra’am

Integrando per la prima volta il partito islamista Raam di Mansour Abbas nella coalizione di governo, Bennett e Lapid hanno voluto credere in un cambiamento storico e nel desiderio del settore arabo di integrarsi nella realtà israeliana.  Ma Mansour Abbas ha saputo sfruttare perfettamente questa situazione, a volte essendo troppo avido e il partito ha dimostrato di avere al suo interno correnti molto più radicali di quella propugnata da Abbas, che più di una volta hanno fatto vacillare la coalizione.

Alla fine, è stato il rifiuto di Mazen Ganem e la deputata araba di Meretz Ghaida Rinawi-Zoabi a impedire alla Knesset di estendere il decreto su Giudea e Samaria, accelerando così la caduta del governo.

Bennett, un Primo Ministro con “legittimità limitata”

Poco più di un anno fa, quando a Yair Lapid è stato affidato dal presidente Rivlin il compito di formare il prossimo governo, Naftali Bennett avrebbe dovuto lasciare che il suo amico Yaïr, leader della seconda formazione politico israeliano, Yesh Atid, diventasse primo ministro, prendendo lui il Ministero degli Esteri. Ma Bennett ha rivendicato la presidenza del Primo Ministro, mentre il suo partito Yamina aveva solo sei parlamentari rimasti.

Di fatto, Bennett è diventato presidente di un consiglio di amministrazione in cui ogni membro aveva lo stesso potere, se non di più, di lui. Più di una volta durante quest’anno si è trovato isolato e costretto ad allinearsi alla linea dei suoi ministri.

Yamina, il gruppo sacrificato da Bennett

Paradossalmente, è stato il partito “al potere”, quello del premier Bennett, a rivelarsi il più indisciplinato di quest’anno: Amihai Chikli, Idit Silman e Nir Orbach sono stati al centro della turbolenza che finalmente ha avuto la meglio sull’attuale coalizione.

Da parte sua, il Presidente del Consiglio ha commesso il grave errore di trascurare i suoi compagni e di non ascoltare il loro disagio ideologico. Quando ha servito come mediatore tra Vladimir Putin e Volodymyr Zelensky, tra Mosca, Kiev e Berlino, Bennett si è sentito in cima al mondo. Ma ha dimenticato i suoi stessi vice sul ciglio della strada.

Un governo del cambiamento… senza molti cambiamenti

Diciamolo subito: il governo Bennett-Lapid ha beneficiato quest’anno di una copertura mediatica particolarmente favorevole. L’aver estromesso Netanyahu dal potere gli ha dato credito pressoché illimitato di simpatia da parte di tutti i media, il che ha evidenziato i suoi successi e mascherato i suoi fallimenti. Ma fondamentalmente, questo governo del cambiamento non è riuscito ad allentare le tensioni che esistevano sotto Netanyahu.

La mancanza di popolarità di Bennett

Infine, quest’anno ha dimostrato che si può essere come Bennett, coraggioso in battaglia e molto bravo negli affari, senza imporsi come leader. Durante quest’anno, l’indice di popolarità di Bennett è appena aumentato e il suo partito si è accontentato di ristagnare nei sondaggi. Senza popolarità, senza basi ideologiche, senza appoggio politico, Naftali Bennett ha capito, il 20 giugno, che la sua avventura a capo del governo stava volgendo al termine.

(Foto: Wikipedia)

 

Menu