Attacco terroristico palestinese a Homesh. Muore il 25enne Yeudah Dimentman

Israele

di Paolo Castellano

Il 16 dicembre è avvenuto un attacco terroristico nei pressi di Homesh, un discusso insediamento in Cisgiordania, in cui ha perso la vita il 25enne Yehudah Dimentman mentre era alla guida della sua auto. Il ragazzo era sposato, aveva un figlio di 6 mesi e abitava nell’insediamento di Shavei Shomron. Inoltre Dimentman era studente della yeshiva.

I gruppi terroristici palestinesi Hamas, Jihad islamica e Fronte popolare per la liberazione della Palestina hanno elogiato l’attacco, ma non ne hanno rivendicato la paternità.

Le forze israeliane hanno descritto la tragedia come un vera e propria imboscata. Il generale Avi Bluth, comandante della divisione dell’IDF responsabile dell’area, ha detto che il veicolo è stato colpito da almeno 10 proiettili.

Insieme alla vittima, nell’auto colpita dai terroristi erano presenti anche altre due persone, che però sono sopravvissute riportando lievi ferite causate dai vetri frantumati dei finestrini.

Uno dei due passeggeri, la 22enne Aviah Entman, ha ricordato così Dimentman: «Era mio amico. Era davvero un bravo ragazzo. Era una persona molto dolce ed era accogliente con tutti quelli che volevano parlare con lui. Era divertente averlo come amico. Non pensavamo potesse succedere un cosa simile»

«È difficile credere che non sia più con noi. Proprio nella nostra ultima conversazione di oggi è venuto da me tutto felice e ha detto: “Oggi ho vinto qualcosa”. Gli ho chiesto cosa fosse successo e lui mi ha detto che sua moglie gli aveva chiesto di prendersi cura di suo figlio per un po’. Ha detto che era felice di stare con il bambino».

L’altra ragazza coinvolta nell’attacco terroristico, Neria Feldman, ha invece descritto la dinamica dell’assalto alla loro auto. «Yehuda era seduto dietro di me e ha urlato che aveva una pallottola nel collo e ha iniziato davvero ad avere difficoltà a respirare. Stavo chiamando i servizi di emergenza in modo che sapessero dove eravamo».

Mentre Entman e Feldman hanno appreso della morte dell’amico mentre stavano per essere portate al Meir Medical Center di Kfar Saba con l’ambulanza.

Come riporta The Times of Israelil 17 dicembre è avvenuto il corteo funebre che è partito da Homesh, facendo tappa nel luogo della sparatoria per arrivare a Gerusalemme.

Menu