Giacobbe ed Esaù di Francesco Hayez

Parashat Vayshlach. Giacobbe/Israel: la sfida di essere retti continua oggi per il popolo ebraico

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Giacobbe ed Esaù sono due diversi tipi di essere umano.  I commentatori e le storie nel Midrash, contrastano pesantemente i due uomini, al punto in cui Esaù è rappresentato come l’esatto contrario di Giacobbe. Uno viene mostrato come completamente cattivo, per chiarire che l’altro è puramente buono.  Ma nel testo della Torah c’è più sottigliezza. Leggiamo meno dell’eroe d’oro e del malvagio personaggio, ma più di due personalità molto diverse.  Jacob rappresenta la ragione, la modestia, l’ordine, l’autocontrollo, mentre Esaù è sinonimo di emozione, orgoglio e passione.

Non è tanto che Esaù è cattivo e Giacobbe buono, ma che Esaù rappresenta il mondo che era, mentre Giacobbe rappresenta un nuovo mondo che sta per essere creato, la cui spiritualità sarebbe radicalmente diversa, nuova e stimolante.
Il fatto che Jacob ed Esaù siano gemelli è fondamentale per capirli.  La loro relazione è uno dei casi classici di rivalità tra fratelli.  Una chiave per esaminare la loro storia è capire il desiderio nascosto: il desiderio di avere ciò che qualcun altro ha e perché ce l’hanno. In definitiva, questo è il desiderio di essere qualcun altro.
Questo è ciò che significa il nome Jacob.  È il nome che ha acquisito perché è nato aggrappandosi al tallone di suo fratello Esaù.  Questi sono gli eventi chiave della sua prima vita.  Ha comprato il diritto di nascita di suo fratello.  Ha indossato i vestiti di suo fratello. Su richiesta di sua madre, prese la benedizione di suo fratello.  Quando gli viene chiesto da suo padre: “Chi sei mio figlio?” Rispose: “Sono Esaù, il tuo primogenito”.
Jacob era l’uomo che voleva essere Esaù.  Perchè?  Perché Esaù, il primogenito, aveva l’amore incondizionato di suo padre.  “Isaac … adorava Esaù, ma Rebecca adorava Jacob.”
Tutto è cambiato nel grande incontro dove hanno combattuto tra loro, Jacob e l’angelo.  Fu allora che gli fu detto che il suo nome sarebbe stato Israele.  La spiegazione dichiarata di questo nome è: “poiché hai lottato con Dio e con l’uomo e hai prevalso”. Risuona anche con altri due sensi.  Le lettere di radice nel nome Yisrael sono Sar che significa “principe, regalità”.  Yashar significa “retto”. Entrambi sono in netto contrasto con il nome “Jacob”, di ekev, così chiamato perché era uno che “tiene stretto il tallone di suo fratello”.
Il misterioso straniero (l’angelo), e poi Dio, sfidò Giacobbe “Lascia che il tuo nome non sia più Giacobbe ma Israele”, che significa “Agisci in modo tale che questo sia il nome con il quale la gente ti chiamerà. Sii un principe. Sii regale. Sii retto. Sii te stesso. Non desiderare di essere qualcun altro.
Ciò si rivela una sfida non solo allora, ma molte volte nel futuro ebraico ”. Spesso gli ebrei si sono accontentati di essere ciò per cui sono nati.  Ma di tanto in tanto sono entrati in contatto con una civiltà la cui raffinatezza intellettuale, culturale e persino spirituale era innegabile. Li faceva sentire goffi, inferiori, come uno straniero che viene in città per la prima volta. Gli ebrei caddero nelle condizioni di Giacobbe. Volevano essere qualcun altro.
La prima volta che ascoltiamo questo è nelle parole del profeta Ezechiele: “Tu dici:” Vogliamo essere come le nazioni, come i popoli del mondo, che servono legno e pietra ” (Ezechiele 20:32).  A Babilonia, il popolo incontrò un impero impressionante il cui successo militare ed economico contrastava radicalmente con la propria condizione di esilio e sconfitta.  Alcuni volevano smettere di essere ebrei e diventare qualcun altro, chiunque altro.
Lo sentiamo di nuovo ai tempi dei Greci.  Alcuni ebrei divennero ellenizzati.  Lo riconosciamo nei nomi di sommi sacerdoti come Giasone e Menelao.  La battaglia contro questo è la storia di Chanukah. Qualcosa di simile è successo ai giorni di Roma.  Giuseppe Flavio fu uno di quelli che andarono dall’altra parte, sebbene rimase un difensore del giudaismo. È successo di nuovo durante il periodo dell’Illuminismo. Gli ebrei si innamorarono della cultura europea.  Con filosofi come Kant e Hegel, poeti come Goethe e Schiller e musicisti come Mozart e Beethoven. Alcuni furono in grado di integrare questo con fedeltà al giudaismo come credo e azione – figure come i rabbini Sansone Raffaele Hirsch e Nehemiah Nobel. Ma alcuni hanno lasciato l’ovile. Hanno cambiato il loro nome. Hanno nascosto la loro identità.  Nessuno di noi ha il diritto di essere critico nei confronti per ciò che hanno fatto.  L’impatto combinato di sfida intellettuale, cambiamento sociale e antisemitismo incendiario, è stato immenso.  Eppure questa fu una risposta di Jacob, non di Israele.

Sta succedendo oggi in ampie aree del mondo ebraico. Gli ebrei hanno superato i limiti.  L’ebraismo, con alcune notevoli eccezioni, ha fallito.  Oggi ci sono ebrei in cima a quasi tutti i campi dello sforzo umano, ma troppi hanno abbandonato la loro eredità religiosa o ne sono diventati indifferenti.  Per loro, essere ebrei è semplicemente appartenere a un’etnia, troppo sottile per essere trasmessa al futuro, troppo vuota per ispirare. Abbiamo aspettato così tanto quello che abbiamo oggi e che non abbiamo mai avuto simultaneamente in tutta la storia ebraica: indipendenza e sovranità nello stato di Israele, libertà ed uguaglianza nella diaspora.  Quasi tutto ciò per cui centinaia di generazioni dei nostri antenati hanno pregato ci è stato dato.  Lo butteremo davvero via?  O abbracciamo il nostro ebraismo? Saremo Israele?  O dimostreremo con nostra vergogna che non siamo ancora sopravvissuti al nome di Jacob, la persona che voleva essere qualcun altro?  Jacob aveva spesso paura perché non era sicuro di chi voleva essere, se stesso o suo fratello.  Ecco perché Dio gli disse: “Lascia che il tuo nome non sia Giacobbe, ma Israele”. Quando hai paura e non sei sicuro di chi sei, sei Giacobbe.  Quando sei forte in te stesso, come te stesso, sei Israele.

Il fatto che la Torah e la tradizione usino ancora la parola Jacob, non solo Israele, ci dice che il problema non è scomparso.  Jacob sembra aver lottato con esso per tutta la vita, e lo facciamo ancora oggi.  Ci vuole coraggio per essere diversi, una minoranza, controculturali.  È facile vivere nel momento, come Esaù, o “essere come i popoli del mondo”, come diceva Ezechiele.
Credo che la sfida lanciata dall’angelo riecheggi ancora oggi.  Siamo Jacob, imbarazzati da chi siamo?  O siamo noi Israele, con il coraggio di stare in piedi e camminare in alto nel cammino della fede?

“La rivalità tra fratelli è sconfitta nel momento in cui scopriamo di essere amati da Dio per quello che siamo, non per quello che è qualcun altro.  Ognuno di noi ha la propria benedizione … La rivalità tra fratelli non è il destino ma un tragico errore.  Da giovane Jacob aveva voluto essere ciò che non era.  Solo di notte, alle prese con l’angelo, ha scoperto la verità che dissolve il conflitto che è per ciò che siamo unicamente che siamo amati.”

Di Rabby Jonathan Sacks

(Francesco Hayez, Giacobbe ed Esaù, 1844)

Menu