Dialogo: parlarsi, ascoltarsi, capirsi

Come dialogare in un mondo sempre più polarizzato e litigioso? Come imparare ad ascoltarsi a vicenda imparando gli uni dagli altri? Dal Dialogo tra uomo e Dio al dialogo tra le varie fedi, dal dialogo interiore a quello tra le generazioni… Questo il tema della XXII edizione della Giornata Europea della Cultura Ebraica (GECE). In Italia la Giornata, che a Milano include il VI Festival Jewish in the City, verrà celebrata domenica 10 ottobre

 

di Ester Moscati

Dialogo: nonostante la parola sia greca, il concetto è pienamente ebraico. L’ebreo è continuamente in dialogo: “verticale” con Dio, per lodarlo o a volte recriminare; in dialogo con se stesso, da cui nasce l’invenzione della psicanalisi; dialogo “orizzontale” con gli altri, anche attraverso lo studio che avviene sempre almeno in due, secondo l’approccio talmudico della chavrutà. Nell’ebraico moderno quotidiano la parola è ripresa direttamente dal greco, dialog, ma in quello biblico e talmudico si parla piuttosto di du siach, “contesa”, o meglio ancora  machloqet, letteralmente “divisione”, disputa polemica, costruttiva e franca.
«Abbiamo scelto di declinare il concetto di dialogo in tutte le sue accezioni – spiega Gadi Schönheit, Assessore alla cultura della Comunità ebraica. – La XXII edizione della Giornata europea della Cultura ebraica a Milano sarà organizzata come un grande evento insieme alla VI edizione del Festival Jewish in the City che, come da tradizione, si protrae per più giorni. Quindi ci sarà uno spettacolo introduttivo, la sera del 9 ottobre, poi la Giornata del 10 ottobre, tra la Sinagoga di via Guastalla e il Museo nazionale della scienza e della tecnologia “Leonardo da Vinci”, messo a disposizione dal Comune di Milano, e un posticipo l’11 ottobre all’Auditorium del Museo stesso. Sono soddisfatto perché, per due anni, a causa della pandemia, abbiamo dovuto sospendere il Festival JITC, un progetto a cui tengo davvero molto».

Anche quest’anno quindi la Comunità ebraica si apre alla Città con un ricco programma che spazia davvero a 360 gradi. «Abbiamo organizzato tutti gli incontri ‘in presenza’ – spiega ancora Schönheit – ma abbiamo deciso, anche per ampliare la platea, che sarà possibile seguire gli eventi online. Così anche se, malauguratamente, la variante delta del coronavirus dovesse metterci i bastoni fra le ruote, riusciremo a fornire ugualmente una panoramica di interventi ampia e variegata».
Si apre sabato 9 ottobre (ore 21.30) con il Dialogo verticale tra uomo e Dio, rappresentato dallo spettacolo ideato e interpretato da Marina Bassani dal libro Yossl Rakover si rivolge a Dio, di Zvi Kolitz.

«Nella Giornata di domenica ci saranno due momenti chiave. Dopo i saluti istituzionali e una prima visita alla Sinagoga, condotta da Daniela Di Veroli, ci sarà un incontro con i rappresentanti di quattro religioni, le tre monoteiste e un rappresentante del buddhismo, quattro ‘dialoganti’ sul tema del Dialogo interreligioso» (ore 10.15, Tempio Centrale di via Guastalla, Il Progetto Maimonide: introduzione a cura di Fiona Diwan. Con la partecipazione di rav Alfonso Arbib, Mons. Gianantonio Borgonovo, Imam Yahia Pallavicini, Lama Paljiin Tullio Rinpoce).
«Il secondo momento chiave è il Dialogo istituzionale tra gli ebrei italiani e le istituzioni dello Stato con l’intervento del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e con Milena Santerini, nominata dal Parlamento italiano coordinatrice nazionale per la lotta contro l’​antisemitismo» (ore 11.30, Tempio Centrale di via Guastalla, Le istituzioni italiane e il dialogo con la popolazione ebraica ieri e oggi. Introduzione storica di Alberto Cavaglion). La mattina si concluderà in Sinagoga con il Monologo sul dialogo, preparato per la Giornata dall’attore Gioele Dix, (David Ottolenghi) una presenza immancabile e graditissima dalla comunità e da tutto il pubblico (ore 12.30, “Una lingua dolce è un albero di vita” – Proverbi 15,4).

Nel pomeriggio, la Giornata europea della Cultura ebraica proseguirà al Museo della scienza, grazie al Comune di Milano che lo ha messo a disposizione della Comunità. «Dobbiamo decodificare il dialogo – continua Schönheit – e questo avverrà attraverso vari momenti». Alle 15.00 si affronterà il tema del Dialogo tra le generazioni. La catena della trasmissione in Isaac Bashevis Singer e nella diaspora yiddish. Tra letteratura e vita, a cura di Fiona Diwan e Haim Burstin
Alle 15.30 il Dialogo politico con l’incontro Israele: dialoghi e convivenze in cui Ferruccio de Bortoli intervista Sergio Della Pergola; alle 16.30 sarà il momento degli Incontri improbabili con Jean Blanchaert; alle 17.30 Dialogo interiore e dialogo terapeutico: psicanalisi ed ebraismo con Leo Nahon, un tema che era rimasto in sospeso dall’edizione della Giornata dedicata ai Sogni.
«Abbiamo poi colto l’occasione del centenario della nascita di Livio Garzanti per parlare del Dialogo nella letteratura (ore 18.30, “Una vita con i libri” la figura di Livio Garzanti attraverso la testimonianza di un grande scrittore e amico, Claudio Magris. Introduce Anna Sikos)». Nel 1939 il padre di Livio, Aldo Garzanti, rilevò la Fratelli Treves, una delle più importanti case editrici italiane dell’epoca, alla quale le Leggi razziali avevano impedito di proseguire l’attività, conservandone la marcata impronta letteraria. «La giornata si chiuderà con un concerto dell’ensemble Dreidel di Marco Valabrega, tre musicisti che da tempo si esibiscono in formazioni ispirate alla musica ebraica con una selezione di brani che affondano le proprie radici tra l’universo sefardita legato alla cultura arabo-spagnola e quello ashkenazita, di derivazione balcanica e mitteleuropea» (ore 20.30, Dialogo musicale tra sefarditi e ashkenaziti a cura di Roberto Zadik).

Beresheet laShalom per Jewish in the City
Il Festival Jewish in the City avrà invece la sua conclusione nel tardo pomeriggio di lunedì 11 ottobre, all’Auditorium del Museo della scienza, alle 18.30, con l’evento dedicato al Dialogo sociale e un video a cura della Fondazione Beresheet lashalom – un inizio per la pace, con la partecipazione di Angelica Edna Calò Livne. «Grazie ad Angelica, avremo sul palco due ragazzi del suo progetto Beresheet laShalom e un video nuovo, interamente attuale, della loro attività; per prudenza, non ci siamo sentiti di invitare tutti i ragazzi da Israele ma siamo sicuri che sarà comunque un momento significativo ed emozionante. Infine, alla sera ci sarà un concerto di un duo di musicisti che ci è stato raccomandato dal Consolato tedesco e che a Roma aprirà la Giornata europea di domenica» (ore 20.30, La musica ebraica tra tradizione e modernità, concerto del Duo Masha Ray).
«Come Assessore alla cultura – conclude Gadi Schönheit – e responsabile quindi di tirare le fila dell’evento, desidero ringraziare per il suo lavoro instancabile Paola Boccia e i due vice assessori Pia Jarach e Serena Vaturi con le quali abbiamo collaborato strettamente. Ho chiesto e ottenuto anche la preziosa collaborazione di Mara Della Pergola e Luciano Bassani, con cui abbiamo lavorato benissimo nelle scorse edizioni, perché ‘squadra che vince non si cambia’.
Anche tra tutti noi c’è stato un proficuo confronto e ci auguriamo che questa ‘carta’ diventi la cifra per tutto il 2021, che sia all’insegna del dialogo in tutte le sue declinazioni».

Il programma

SABATO 9 OTTOBRE ORE 21.30

AUDITORIUM DEL MUSEO NAZIONALE DELLA SCIENZA E DELLA TECNOLOGIA LEONARDO DA VINCI

 DIALOGO VERTICALE TRA UOMO E DIO

“Yossl Rakover si rivolge a Dio”, di Zvi Kolitz
Attrice Marina Bassani,  Violino: Yulia Verbiskaya

 

DOMENICA 10 OTTOBRE – SINAGOGA DI VIA GUASTALLA

Ore 8.30 Apertura al pubblico

Ore 9.00 Visita guidata della Sinagoga a cura di Daniela Di Veroli
Introducono:  Gadi Schoenheit, Assessore alla Cultura della Comunità ebraica; Milo Hasbani, Presidente della Comunità ebraica; rav Alfonso Arbib, rabbino capo della Comunità ebraica

ORE 10.00  SALUTI  ISTITUZIONALI

ORE 10.15 DIALOGO INTERRELIGIOSO

IL PROGETTO MAIMONIDE: introduzione a cura di Fiona Diwan
Con la partecipazione di rav Alfonso Arbib, Mons. Gianantonio Borgonovo, Imam Yahia Pallavicini, Lama Paljiin Tulku Rinpoce

Ore 11.30 LE ISTITUZIONI ITALIANE  e il DIALOGO CON LA POPOLAZIONE EBRAICA IERI E OGGI
Introduzione storica di  Alberto Cavaglion.
Con la partecipazione del Ministro degli Interni Luciana Lamorgese e Milena Santerini, coordinatrice nazionale per la lotta all’antisemitismo

 Ore 12.30 Gioele Dix: “Una lingua dolce è un albero di vita” (Proverbi 15,4)
Monologo sul dialogo

 A seguire  visita guidata della Sinagoga a cura di Daniela Di Veroli

  

  • AUDITORIUM DEL MUSEO NAZIONALE DELLA SCIENZA E DELLA TECNOLOGIA LEONARDO DA VINCI

ORE 15.00 IL DIALOGO TRA LE GENERAZIONI

La catena della trasmissione in Isaac Bashevis Singer e nella diaspora yiddish. Tra letteratura e vita.
A cura di Fiona Diwan e  Haim Burstin

ORE 15.30 DIALOGO POLITICO
ISRAELE: DIALOGHI E CONVIVENZE
Ferruccio De Bortoli e  Sergio Della Pergola

ORE 16.30 INCONTRI  IMPPROBABILI con JEAN BLANCHAERT

ORE 17.30 DIALOGO INTERIORE E DIALOGO TERAPEUTICO: psicanalisi ed ebraismo con Leo Nahon.

ORE 18.30 IL DIALOGO NELLA LETTERATURA
In occasione del centenario dalla nascita di Livio Garzanti
“Una vita con i libri” la figura di Livio Garzanti attraverso la testimonianza di un grande giornalista, saggista e amico,  Armando Torno.

ORE 20.30 DIALOGO MUSICALE TRA SEFARDITI E ASKENAZITI
a cura dell’ensemble DREIDEL di Marco Valabrega.
Regia di Roberto Zadik

  

LUNEDI 11 OTTOBRE

AUDITORIUM DEL MUSEO NAZIONALE DELLA SCIENZA E DELLA TECNOLOGIA LEONARDO DA VINCI

ORE 18.30 DIALOGO SOCIALE
Incontro con la Fondazione Beresheet LaShalom – Un inizio per la pace
Con la partecipazione di Angelica Edna Calò Livne.

 ORE 20.30 LA MUSICA EBRAICA TRA TRADIZIONE E MODERNITA’
CONCERTO DEL GRUPPO MASHA RAY

Sarà possibile seguire gli eventi in programma sul sito ufficiale della comunità ebraica www.mosaico-cem.it

 

Menu