Balak e l'asina di Rembrandt

Parashat Balak. La profezia di Bilam sul popolo di Israele

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Balak, il re di Moàv, incarica il profeta Bilàm di maledire il popolo d’Israele. Lungo il cammino, Bilàm viene rimproverato dal suo asino che, prima di lui, si accorge della presenza di un angelo Divino inviato per bloccargli il passaggio. Bilàm tenta di maledire il popolo ben tre volte da tre punti diversi ma, ogni volta, invece che maledizioni dalla sua bocca escono benedizioni. Bilàm profetizza anche riguardo l’arrivo del Mashiach.

Il popolo si lascia ammaliare dalle figlie di Moàv e alcuni arrivano ad adorare l’idolo Peòr. Quando un Israelita importante porta una principessa midianita nella sua tenda, Pinchas li uccide entrambi, interrompendo la piaga che stava facendo strage tra il popolo.

Commento

Alcune delle cose più belle che siano mai state dette sul popolo ebraico sono state dette da Bilam.  “Chi può contare la polvere di Giacobbe … Quanto sono belle le tue tende, Giacobbe, i tuoi luoghi di dimora, Israele! … Una stella uscirà da Giacobbe;  uno scettro sorgerà da Israele “.
Una di queste benedizioni è tra le più famose descrizioni mai date al popolo di Israele: “È una nazione che vive da sola, non annoverata tra le nazioni”. (Bamidbar 23: 9)  Ma cosa significa?
C’è una spiegazione che è diventata popolare nei tempi moderni, che è il destino di Israele di essere isolato, senza amici, odiato, abbandonato e solo, come se l’antisemitismo fosse in qualche modo scritto nel copione della storia.  Non ci credo.  Non lo è.  Nessuno dei profeti ha detto così.  Al contrario, credevano che le nazioni del mondo avrebbero finalmente riconosciuto il Dio di Israele e sarebbero venute ad adorarlo nel Tempio di Gerusalemme.  Zaccaria (8:23) prevede un giorno in cui “dieci persone di tutte le lingue e nazioni prenderanno saldamente in mano un ebreo per l’orlo della sua veste e diranno: ‘Andiamo con te, perché abbiamo sentito che Dio è con te  . “Non c’è nulla di destinato o inevitabile all’antisemitismo.
Cosa significano le parole di Bilam?  “È una nazione che vive da sola, non annoverata tra le nazioni”.
Ibn Ezra dice che significa che diversamente da tutte le altre nazioni, anche quando siamo un piccolo gruppo circondato da molti in una cultura non ebraica, gli ebrei non si assimileranno.  Ramban dice che significa che la nostra cultura e fede rimarranno pure, non un mix di più tradizioni e nazionalità.  Il Netziv fornisce l’interpretazione che era un chiaro avvertimento agli ebrei del suo tempo, secondo cui “Se gli ebrei vivono in modo distinto e separati dagli altri, si abiteranno sani e salvi, ma se cercano di emulare” le nazioni “essi” non saranno considerati “come qualcosa  speciale a tutti”.
C’è, tuttavia, un’altra possibilità, ironicamente suggerita da uno scrittore antisemita, G. K. Chesterton.  Ha scritto che l’America era “una nazione con l’anima di una chiesa” e “l’unica nazione al mondo fondata su un credo (credo religioso)”. Ma in realtà, l’America non è l’unica nazione che può essere descritta in questo  modo.  Questo è precisamente ciò che ha reso Israele diverso – e quando l’America fu formata per la prima volta, fu fortemente influenzata dall’idea di Israele biblica e dal concetto ebraico di alleanza.  L’antico Israele era infatti fondato su un credo, ed era, di conseguenza, una nazione con l’anima di una religione.  Quando Bilam descrisse il popolo ebraico come “non annoverato tra le nazioni”, stava evidenziando ciò che rendeva Israele univoca. Il popolo ebraico è unico in quanto è al contempo una nazione e una religione.
Di Rabbì Sacks

(Foto: Rembrandt, Balam e l’asina, (1626))
Menu