Capodogli

Decodificare il linguaggio dei capodogli con il machine learning: Israele in un progetto internazionale

Tecnologia

di Redazione
Principali scienziati e ricercatori provenienti da Israele, Stati Uniti e Regno Unito stanno unendo le forze su un progetto pluriennale per cercare di decodificare il modo in cui i capodogli, animali altamente intelligenti, parlano tra loro, in un progetto “senza precedenti” per comprendere meglio le grandi creature marine.

L’Università di Haifa ha rivelato martedì i dettagli dello studio quinquennale, in cui lavorerà insieme ad altre istituzioni come The City University of New York (CUNY), Harvard University, Massachusetts Institute of Technology (MIT), Imperial College London e UC Berkeley. Il progetto – la Cetacean Translation Initiative (CETI) – si svolgerà a Dominica, nei Caraibi, e cerca di fornire il primo modello in assoluto del linguaggio di un altro animale utilizzando il machine learning avanzato, una branca dell’Intelligenza Artificiale

“Questi primati emettono un ticchettio a frequenze variabili quando sono in compagnia di altre balene. La domanda è: questo è solo un semplice codice o un vero linguaggio? “, ha spiegato il prof. Dan Tchernov della Leon H. Charney School of Marine Sciences dell’Università di Haifa e direttore scientifico della Morris Kahn Marine Research Station.

“In questo momento, il nostro database non è abbastanza completo per conoscere la risposta a questa domanda”, ha continuato. “Tuttavia, con il progresso dell’apprendimento automatico e della linguistica avanzata, ci siamo resi conto che se raccoglievamo dati sufficienti sulle loro voci, sul contesto in cui questi suoni sono impiegati e compresi e sul loro comportamento e motivazione dietro questi suoni, possiamo quindi sviluppare un algoritmo che determinerà se hanno una lingua autentica. ”

Secondo il progetto CETI, il capodoglio è l’animale con il cervello più grande e, come gli esseri umani, ha un sistema di comunicazione complesso e vive in gruppi familiari molto uniti.

Gli altri due ricercatori dell’Università di Haifa che si uniscono al progetto sono il dottor Roee Diamant del dipartimento di scienze marine, che sarà il principale consulente acustico del progetto e incaricato di posizionare l’array di ascolto e localizzazione dei mammiferi marini più avanzato al mondo, e il dottor Bracha Nir , Responsabile del Dipartimento di Disturbi della Comunicazione dell’Università, che approfondirà i temi della comunicazione tra madre e balenottero.

Menu