Steven Spielberg cerca un bambino ‘ebreo italiano’ che reciti nel film su Edgardo Mortara

Spettacolo

di Ilaria Ester Ramazzotti

steven-spielberg
Steven Spielberg

La caccia è ancora aperta: Steven Spielberg cerca un bambino attore di “discendenza ebraico-italiana o almeno uno che appaia come tale” per ricoprire il ruolo di Edgardo Mortara nel suo nuovo film. Così scrive The Algemeiner lo scorso 30 gennaio. Il bimbo deve essere di età compresa tra i sei e i nove anni, “ma non serve che abbia un accento italiano”. I provini si tanno svolgendo in diverse parti del mondo, in Australia, a New York, Londra, Toronto e Vancouver.

Da tempo il regista vincitore di tre premi Oscar ha aperto le audizioni per scegliere l’attore protagonista del suo prossimo film Il rapimento di Edgardo Mortara, basato sul libro dello scrittore vincitore del premio Pulitzer David Kertzer, uscito nel 1997. Il film è ispirato alla storia vera del bambino ebreo di otto anni segretamente battezzato da una domestica e portato via dalla sua famiglia di Bologna da Papa Pio IX nel 1858, per poi essere cresciuto come cattolico in Vaticano e avviato alla carriera ecclesiastica. Le riprese saranno girate in Italia e dovrebbero iniziare il prossimo mese di aprile. A interpretare Papa Pio IX sarà Mark Rylance, attore premio Oscar già interprete nell’ultimo film di Spielberg Il ponte delle spie.

Menu