Rav Sacks: BDS rende difficile agli ebrei europei sostenere Israele

Opinioni

sacksLe critiche morali a Israele in materia di diritti umani, che si concretizzano nel movimento globale di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS), sono riuscite a dividere il pubblico ebraico negli Stati Uniti e in Europa. È quanto ha dichiarato lunedì 8 giugno Rav Jonathan Sacks, l’ex rabbino capo del Regno Unito, parlando ad una tavola rotonda dal titolo “Islam e BDS in Europa: una minaccia strategica” alla Conferenza di Herzliya.

Come riporta il Times of Israel, Rav Sacks ha detto che a differenza di precedenti tentativi di antisemitismo per indebolire Israele, la campagna globale di BDS è parzialmente riuscita nei suoi obiettivi. “Israele è sempre stato un fattore unificante nella vita ebraica; oggi invece è diventato un fattore di divisione”, ha detto Sacks al pubblico.

Sul modello della lotta contro l’apartheid in Sud Africa, la campagna BDS globale lanciata nel luglio 2005 ha lo scopo di accumulare pressioni economiche e politiche su Israele per il trattamento riservato ai palestinesi. Gli obiettivi degli attori BDS sono diversi, e vanno da una chiamata a porre fine all’occupazione israeliana della Cisgiordania alla vera e propria eliminazione di Israele.

Oggi, il movimento BDS ha reso “quasi impossibile” sostenere Israele per gli ebrei che vivono in Europa, ha dichiarato Sacks. “Gli ebrei sono messi di fronte ad una scelta: vivere in Europa e criticare Israele o stare in silenzio, o lasciare l’Europa”, ha detto.

Nel suo discorso di sette minuti, Sacks – che ha servito come rabbino capo delle congregazioni ebraiche del Commonwealth dal 1991al 2013, e attualmente docente di pensiero ebraico alla New York University, Yeshiva University e King College di Londra – ha posto il movimento BDS in una continuità storica risalente alle accuse del sangue del Medioevo.

“Nel Medioevo, gli ebrei erano odiati a causa della loro religione. Nel XIX e all’inizio del XX secolo, erano odiati a causa della loro razza. Nel ventunesimo secolo, sono odiati a causa del loro stato nazionale. Anti-sionismo è il nuovo antisemitismo”, ha detto.

BDS ha inoltre finora “un discreto successo” nel de-legittimare Israele a livello internazionale, ha osservato. Isolare Israele nell’arena globale potrebbe alla fine lasciare gli ebrei indifesi, così come accadde alla Conferenza di Évian del luglio 1938 promossa dagli Usa, dopo la quale Adolf Hitler osservò che “il mondo può dichiarare che si preoccupa per gli ebrei, ma non è disposta a fare qualsiasi cosa per aiutarli davvero”.

“Gli ebrei hanno per molto, troppo tempo si sono definiti come Am Levadad Yishkon, un popolo che abita da solo. Se ciò è creduto abbastanza a lungo, diventa una previsione di auto-giustificazione”. Al fine di porre rimedio alla situazione, gli ebrei devono mettere in chiaro all’Europa che “se essa non è sicura per gli ebrei, non è sicura per gli europei”. “Se l’Europa perde i suoi ebrei, avrà perso la sua libertà”, ha sostenuto Sacks. “L’odio che inizia con gli ebrei non finisce mai con loro … Non dobbiamo essere lasciati da soli a combattere questa battaglia”.

Menu