Manoscritto ebraico alla British Library

La British Library mette in mostra i suoi manoscritti ebraici centenari

Eventi

La lettera di un rabbino italiano al re Enrico VIII riguardante il tentativo del monarca Tudor di annullare il primo dei suoi sei matrimoni; un libro degli incantesimi del XVI secolo e quella che si ritiene essere la prima copia datata della “Guida per i perplessi” di Mosè Maimonide sono tra i tesori ebraici presenti in una mostra di manoscritti ebraici alla British Library.

La mostra, che è disponibile online per i visitatori virtuali di tutto il mondo e aprirà per la visualizzazione di persona a partire dal 3 dicembre fino all’11 aprile 2021, mostra circa 40 dei circa 3.000 manoscritti ebraici detenuti dalla biblioteca nazionale del Regno Unito

Manoscritti da tutto il mondo

Come racconta il Times of Israel, l’oggetto più vecchio in mostra è una Bibbia ebraica del X secolo che si pensa sia uno dei codici biblici ebraici più antichi sopravvissuti. Il manoscritto, che proviene dall’Egitto, mostra l’influenza dell’arte islamica con le sue illustrazioni geometriche e floreali. Tra molti altri testi religiosi in mostra ci sono una Bibbia catalana i cui vividi colori smentiscono le sue origini del XIV secolo e un rotolo della Torah che apparteneva alla comunità ebraica di Kaifeng, in Cina, circa tre secoli dopo.

Ma la mostra non si concentra principalmente sui testi religiosi. Il rapporto tra le comunità della diaspora e i loro vicini non ebrei – a volte armonioso ma spesso anche segnato da discriminazioni e persecuzioni – è uno dei temi principali della mostra.

Un atto di vendita del XIII secolo per una casa a Norwich, nell’est dell’Inghilterra, mostra Miriam, la moglie del rabbino Osha’ya, che rinuncia ai suoi diritti sulla proprietà prima che potesse essere venduta. È una rarità in più di un modo e raffigura una donna ebrea medievale che possiede proprietà e intrattiene rapporti d’affari.

Ma, sebbene l’atto abbia indicato che documenti legali ebraici scritti in ebraico erano in uso nell’Inghilterra medievale, è datato solo 10 anni prima della famigerata espulsione degli ebrei dal paese da parte di re Edoardo I nel 1290.

La riposta di Rav Raphael di Modena a Enrico VIII

La riposta di Rav Jacob Rafael di Modena a Enrico VIII

Enrico VIII e il parere del rabbino sul suo divorzio

Una conseguenza di quella decisione fu avvertita da uno dei successori di Edoardo, Enrico VIII, quasi 250 anni dopo. Alla disperata ricerca di basi bibliche su cui il suo matrimonio con Caterina d’Aragona – che non era riuscita a dargli un erede maschio – potesse essere annullato, il re sondò l’opinione degli studiosi religiosi.

Avendo ottenuto in precedenza una dispensa speciale dal Papa per sposare Caterina, che era la vedova del fratello di Enrico, la validità del matrimonio levirato (per cui un uomo deve sposare la vedova del fratello) era al centro dell’attenzione e l’opinione di un rabbino era tra quelle ricercate. Ma, data l’espulsione degli ebrei, i consiglieri del re dovettero gettare una rete più ampia e ottennero il parere del rabbino italiano Jacob Rafael.

La risposta del rabbino – mostrata in una lettera contenuta in un registro di corrispondenza nella mostra – non fornì la risposta sperata. Il rabbino affermò che la giustificazione per il matrimonio levirato in Deuteronomio annullava il divieto in Levitico (che vieta i rapporti sessuali con la moglie di un fratello), che i consiglieri di Henry stavano cercando di utilizzare come scappatoia per annullare il matrimonio.

Imperterrito, il re si separò da Caterina nel 1531 e fece annullare il matrimonio dall’Arcivescovo di Canterbury nel maggio 1533 (cinque mesi dopo aver sposato segretamente la sua nuova moglie, la sfortunata Anna Bolena). Allo stesso tempo, un’esplosione di legislazione in parlamento – incluso l’Atto di Supremazia del 1534 che dichiarava il re “Capo supremo della Chiesa d’Inghilterra” – inaugurò la Riforma e la rottura con Roma.

Più spesso, però, l’opinione degli ebrei era soffocata piuttosto che cercata. Una rara copia di un Talmud babilonese, che risale al XIII secolo, illustra il modo in cui le autorità cristiane medievali distrussero molti testi ebraici che consideravano blasfemi.

Ma tali manoscritti non furono sempre distrutti. Un’edizione del XVII secolo del “Libro dell’Espurgazione” del 1596, anch’essa in mostra, elenca in ordine alfabetico circa 450 testi ebraici che la Chiesa cattolica considerava teologicamente pericolosi o blasfemi. I censori si sono quindi messi al lavoro per eliminare i passaggi sospetti.

L’autore del libro, Dominico Irosolimitano, ha censurato più di 20.000 copie di libri e manoscritti ebraici. Uno dei manoscritti scansionati alla ricerca di potenziali contenuti anticristiani è un testo di 700 anni sulla legge ebraica di studiosi ebrei tedeschi. I continui controlli effettuati sono indicati dalle firme in essa contenute di quattro diversi censori italiani – tre dei quali ebrei convertiti al cattolicesimo – che hanno esaminato il testo tra il 1599 e il 1640.

Tragiche testimonianze 

Naturalmente, molti ebrei hanno subito un destino molto peggiore della censura. Una copia del racconto del rabbino Ishmael Hanina dell’interrogatorio e delle torture subite per mano dell’Inquisizione papale a Bologna nel 1568 descrive in dettaglio come fu costretto a spiegare il significato di alcuni passaggi del Talmud. Il calvario del rabbino è avvenuto pochi mesi prima che la comunità ebraica venisse espulsa dalla città italiana.

Un’altra descrizione della persecuzione viene da un manoscritto del XVII secolo che racconta le conseguenze di una rivolta araba nel Maghreb nel 1589 in cui Yahya ibn Yahya, un leader religioso locale, prese temporaneamente il controllo del territorio governato dagli ottomani.

Prima che l’esercito del Sultano ristabilisse il controllo, il leader ribelle diede agli ebrei caduti sotto il suo dominio una scelta netta tra la conversione o la morte. “Sai che Dio mi ha aiutato con le sue buone mani ad abolire il regno dei turchi”, ibn Yahya è registrato nel manoscritto mentre diceva agli ebrei di Misurata. “Così da oggi in poi non ricordo più il nome Israele. E se ti ribelli, ti farò quello che ho fatto ai turchi “.

La diffusione della conoscenza

Ma, come mostra l’esposizione, nonostante le minacce, l’oppressione e la violenza che hanno subito così spesso, gli ebrei hanno contribuito potentemente a promuovere la diffusione della conoscenza in Occidente.

Uno di questi esempi in possesso della biblioteca è una copia del XV secolo di una traduzione ebraica fatta circa 200 anni prima da un ebreo italiano, Nathan ha-Méati, del “Canone della medicina”. Originariamente in arabo, il testo dell’XI secolo di Ibn Sina divenne l’opera più influente della medicina medievale. La pagina riccamente illustrata in mostra è tratta dal Libro V che elenca 650 ricette di medicinali.

Altri esempi contenuti nella mostra includono una copia del XVI o XVII secolo della traduzione fatta circa 300 anni prima da un altro ebreo italiano, Jacob Anatoli, del “Compendio di astronomia ed elementi dei movimenti celesti” di al-Farghani. Anatoli poté consultare sia l’originale arabo che una traduzione latina dell’opera che riassumeva l ‘”Almagesto” di Tolomeo, un trattato del II secolo sul moto apparente delle stelle e sui percorsi planetari. Tali traduzioni hanno contribuito a diffondere la conoscenza astronomica greca nell’Europa medievale.

Allo stesso modo, l’astronomo, matematico e filosofo ebreo del XII secolo Abraham bar Hiyya tradusse il lavoro scientifico arabo sia in ebraico che in latino, aprendo la strada all’uso del primo per scopi scientifici. La mostra espone la copia della biblioteca del XV secolo dell’opera in ebraico “Shape of the Earth” di Hiyya in cui scrisse sulla creazione della terra, dei cieli, della luna e delle stelle. Inoltre è esposta una copia di un libro sui calcoli del calendario – vitale per elaborare le date delle feste religiose – scritto utilmente in versi per renderli più facili da ricordare.

Uno degli oggetti più impressionanti che i curatori hanno incluso nella mostra è una copia del 1380 della “Guida per i perplessi” di Maimonide. Il filosofo ebreo del XII secolo nato a Cordoba, in Spagna, è stato uno dei più influenti studiosi talmudici del Medioevo. Il manoscritto, di proprietà della comunità ebraica nello Yemen e scritto in giudeo-arabo, è considerato l’opera filosofica più autorevole di Maimonide. Accanto ad essa, la mostra ha una copia trecentesca dai colori vivaci di una traduzione in ebraico; le sue immagini di un leone, ritengono gli studiosi, potrebbero suggerire che sia stato commissionato per una corte reale.

Visite

Per visitare la mostra da remoto è possibile fare un tour virtuale, mentre per farlo di persona tutti i biglietti devono essere prenotati in anticipo al momento.
Informazioni su https://www.bl.uk/events/hebrew-manuscripts.

 

Menu