Diamo dignità al cimitero di Musocco

di Rosanna Bauer e Mara Della Pergola

È urgente la sistemazione del Campo 3 del reparto ebraico. La fase di ristrutturazione sarà molto onerosa. La Comunità non abbandona mai nessuno, ma apriamo anche una raccolta fondi per donazioni da privati, dedicate al restauro

In risposta ad alcune segnalazioni circa lo stato di degrado crescente di parecchie tombe del nostro Cimitero, dall’autunno 2020 abbiamo ritenuto importante dedicare parte della nostra attività di Consigliere CEM all’analisi della situazione e alla proposta di possibili interventi conservativi.
Abbiamo voluto incontrare Maurina Alazraki e Patrizia Sassoon, ideatrici di ACE (Associazione Cimitero Ebraico) e già attive da qualche anno, e ne è nata una proficua collaborazione che ci ha spinte a presentare in Consiglio, il 21 gennaio 2021, il “Progetto CEM Cimitero Musocco”.
In seguito alla delibera di approvazione, è stato da noi rimappato tutto il Campo 3, risalente alle sepolture degli anni 1950-1960. Siamo partite dal Campo 3, dato che i Campi 1 e 2 erano già stati risistemanti dalla Comunità e dall’intervento generoso di ACE. Abbiamo visionate, una per una, tutte le 742 tombe appartenenti al Campo e, grazie alla mappa del Comune, molto precisa e dettagliata, ci è stato possibile ricostruire la numerazione, la correttezza dei nomi, la posizione delle tombe. È stato un lavoro lungo e impegnativo, perché questi dati spesso non coincidevano con quelli in possesso della Comunità, e ha richiesto molte visite in loco tra le varie aperture concesse dalla pandemia.

I criteri di valutazione
I criteri di valutazione dello stato di conservazione delle tombe sono stati: leggibilità del nome (purtroppo ci sono anche tombe anonime), stato di conservazione della lapide, stato del verde (piante invadenti). È stato assegnato un punteggio per ogni elemento di valutazione, rispetto alla gravità della situazione.
Lo stato di danneggiamento grave appartiene a 109 tombe su 742 (sprofondate, rotte, invase dal verde).
A parte c’è la valutazione dello stato dei vialetti, la cui manutenzione non è di pertinenza del Comune.
È evidente che gran parte del campo si trova in uno stato di abbandono deplorevole.

Un appello alle famiglie
La seconda fase del progetto, oltre alla ristrutturazione delle tombe e alla pulizia del verde invasivo, includerà la stesura di un elenco di piante di abbellimento da evitare perché troppo invadenti.
Prima che inizi la fase operativa, riteniamo necessario fare un grande appello a chi ha parenti o conoscenti sepolti nel Campo 3, perché desideriamo risalire a chi potrebbe contribuire al ripristino delle tombe di famiglia e magari non è a conoscenza del loro degrado. I dati in possesso della Comunità purtroppo non consentono di individuare e contattare i parenti di secondo e terzo grado, a volte lontani o all’estero. Ma la manutenzione decorosa delle tombe e delle scritte è un impegno che le famiglie devono assumersi, generazione dopo generazione.
L’elenco delle tombe danneggiate è a disposizione di tutti in Comunità, e speriamo molto di ricevere al più presto un aiuto nell’individuazione di parenti ancora in vita.
Non si possono lasciare tombe senza nome o senza copertura.

Una raccolta fondi per la ristrutturazione
La fase di ristrutturazione sarà onerosa e verranno chiesti più preventivi a diverse imprese. La Comunità non abbandona mai nessuno, ma attualmente non può affrontare questa spesa.
Per questo motivo apriamo quindi anche una raccolta fondi dedicata al restauro del Campo 3. Una raccolta speciale alla quale ognuno di noi contribuisca come può, per realizzare questo rinnovo conservativo, ridando dignità a chi non c’è più e forse non ha parenti in grado di occuparsene.
Crediamo che nei valori ebraici ci sia anche quello di onorare la memoria di tutti i nostri defunti e, in particolare, di chi non ha più discendenza.

 

Le donazioni vanno inviate a:
Comunità Ebraica di Milano
Banca Intesa, Milano
IBAN:
IT12G 030 6909 606 100000 101922
Causale: Raccolta fondi progetto cimitero Musocco

 

Parla il presidente Milo Habani

Contro il degrado, serve l’aiuto di tutta la comunità

Complimenti a Rosanna Bauer Biazzi e a Mara Della Pergola che con la preziosa collaborazione di Maurina Alazraki e Patrizia Sassoon e con l’aiuto di Mira Maknouz dell’ufficio rabbinico hanno sviluppato un progetto per la sistemazione delle tombe del Campo 3 del cimitero di Musocco. Si tratta di un lavoro impegnativo che richiede un intervento sui monumenti, sulle scritte e sulle piante; in molti casi questa situazione si verifica per mancanza di manutenzione da parte delle famiglie. A volte la scelta delle piante fa sì che con il passare del tempo diventino infestanti e devastanti, danneggiando anche le tombe vicine. Molte volte si tratta di casi nei quali le famiglie non ci sono più e i lavori potrebbero essere fatti da conoscenti, da amici oppure dalla Comunità tramite delle offerte dedicate alla manutenzione.
Dalla nostra esperienza, i costi, a seconda del tipo di intervento, variano dai 30 ai 600 euro, ovviamente secondo l’impegno della ristrutturazione (nuovo monumento matzevà, ripristino monumenti ceduti, taglio erba e sistemazione ghiaia dei vialetti, rifacimento scritte con vernice, fornitura targa con incisione epigrafe nei monumenti dove non è più leggibile). Siamo in attesa di più preventivi per decidere a chi affidare l’incarico e, in funzione delle donazioni che riceveremo, stabilire che tipi di interventi saremo in grado di effettuare. Abbiamo lanciato già in passato l’idea di offrire una matzevà a chi non ha nessuno che se ne possa prendere cura; è una grande mitzvà e comunque tutte le offerte sono importanti e utili.
Vorrei ringraziare tutti quelli che hanno lavorato su questo progetto e spero vivamente che si possa, con le vostre generose offerte, proseguire cercando di risistemare anche altri campi. Kol Hakavod a tutti
Milo Hasbani

Menu