Vita Ebraica

  1. Home
  2. Vita Ebraica
  3. (Pagina 165)

Chanuccà anche per i non ebrei?

Feste/Eventi


il miracolo di Chanuccà i Maestri ci hanno istruito che ogni famiglia accenda la Menorà ponendola al di fuori della porta di casa nel cortile e non sulla strada (Rashi). Chi abita al piano di sopra accende la Menorà alla finestra che da’ sulla strada

Il peccato di Sodoma

Ebraismo


anche quello che potrebbe sembrarci lontano nel tempo e nel modo di fare, è, in realtà, un insegnamento attuale per l’uomo. In un periodo di crisi economica dobbiamo aiutare con amore chi ha più bisogno di noi.

La famiglia ebraica fondamento della Comunità

Ebraismo


I dieci giorni che vanno da Rosh Hashanà a Yom Kippùr sono chiamati Asèret yemè teshuvà, i Dieci giorni penitenziali. La teshuvà, il pentimento, l’esame di coscienza, l’analisi del proprio comportamento, l’assunzione di impegni e responsabilità per il futuro sono al centro di queste giornate. La teshuvà è una mitzvà strettamente individuale, ognuno deve analizzare il proprio comportamento e assumersi le sue responsabilità.
Esiste però una dimensione collettiva della teshuvà. Un aspetto della nostra vita in cui la dimensione individuale e quella collettiva si toccano ed è la formazione di una famiglia.

Raoul De Picciotto: “Potevo, l’ho fatto”

Personaggi e Storie

di Ester Moscati
È così che, con straordinaria semplicità, Raoul De Picciotto risponde alla domanda “”Perché ha deciso di legare il suo nome alla realizzazione della Residenza per gli anziani, con una donazione così importante?””. “”Se si ha la fortuna di poterlo fare, si deve contribuire al bene comune”

Aprire il dialogo, progettare il futuro

Feste/Eventi

Ucei Renzo Gattegna ha concluso i lavori del Moked di Forte dei Marmi dedicato a Ebrei e Società. “L’argomento Politiche culturali comunitarie oggi oggetto di questo incontro-dibattito è quanto di più impegnativo, ma anche soggettivo

Relazioni ebraico-cristiane

Ebraismo


la dichiarazione di rav Giuseppe Laras, presidente dell’Assemblea rabbinica italiana, dopo il comunicato vaticano sulla preghiera per gli ebrei.

Rav Laras: una pausa di riflessione nel dialogo

Ebraismo


che intendiamo adoperare per riflettere su quanto accaduto e per coglierne implicazioni e prospettive”. Nel dialogo Ebraico-Cattolico una interruzione è necessaria dopo l’iniziativa papale sulla preghiera per gli ebrei.

Menu