Alcuni giovani ebrei europei della Eujs

Una raccolta fondi per aiutare i giovani ebrei europei

di David Fiorentini
A causa della pandemia, molti enti ebraici europei hanno subito gravi perdite sia da un punto di vista economico che sociale. Eventi cancellati, viaggi rimandati, feste annullate e altre gioiose iniziative che a oggi sembrano un miraggio lontano. Allo stesso modo, anche l’European Union of Jewish Students non è stata risparmiata da questa crisi. Molti habitué delle grandi donazioni si sono tirati indietro e adesso la decennale unione si trova a un punto di non ritorno: raccogliere i fondi necessari a continuare l’annata o chiudere i battenti.

Fondata nel 1978 a Grenoble, l’Unione Europea degli Studenti Ebrei è un’organizzazione a ombrello che comprende 34 unioni studentesche ebraiche nazionali, tra cui l’italiana UGEI. A sua volta è parte della World Union of Jewish Students (WUJS), con cui intrattiene intensi e floridi rapporti. Nel 2006 le è stato assegnato il Consultative Status presso il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite, il più alto riconoscimento conferibile a una ONG da parte dell’ONU. Ma probabilmente l’iniziativa per cui l’organizzazione è più rinomata è la mitica Summer U: una settimana di svago e divertimento con più di 300 giovani ebrei da tutto il continente.

Dunque, di fronte alle note difficoltà legate all’emergenza sanitaria, l’EUJS non ha potuto rimanere con le mani in mano, lasciandosi alle spalle il suo ammirevole passato. Per questo motivo, il Presidente Bini Guttmann ha deciso di lanciare una formidabile campagna di raccolta fondi per Domenica 21 e Lunedì 22 Marzo, con il chiaro obiettivo di rimettere in carreggiata la quarantennale istituzione.

#SaveEUJS è lo slogan delle 48 ore di intenso lavoro che volontari, ex-consiglieri e altri aficionados intraprenderanno per raggiungere la meta di 100.000 euro. Inoltre, grazie ad accordi con i pochi sponsor rimasti, ciascuna donazione ricevuta nelle due giornate sarà raddoppiata.

Per contribuire alla raccolta fondi e usufruire dell’effetto moltiplicatore è possibile donare al link https://www.charidy.com/cmp/eujs, con la consapevolezza che ciascuna offerta sarà un passo avanti verso il futuro dell’ebraismo europeo.

Menu