Baasem Eid, attivista palestinese per diritti umani

L’attivista palestinese: “Sheikh Jarrah non c’entra niente: è un pretesto per Hamas per aumentare il proprio potere a Gerusalemme”

di Redazione
“Mentre scrivo queste parole, i razzi stanno piovendo su Israele da Gaza e le proteste sono state istigate nelle città di tutto il paese. Persone sono già morte a causa di questa violenza insensata e ne seguiranno sicuramente altre nei prossimi giorni. Come palestinese che vive a Gerusalemme, sono frustrato e arrabbiato – e posso solo incolpare Hamas”.
Inizia così l’articolo scritto su The Times of Israel da Bassem Eid, un attivista palestinese per i diritti umani che vive a Gerusalemme e che da anni è critico nei confronti della leadership palestinese.

“I fanatici che governano su Gaza con un pugno di ferro non possono resistere all’opportunità di fomentare la violenza antiebraica per il proprio guadagno politico. Se ebrei e musulmani innocenti muoiono nel processo, tanto meglio per loro”, continua Bassem, che rifiuta la vulgata secondo cui la causa scatenante sia stato lo sfratto a Sheikh Jarrah.

“Il pretesto per l’ultimo sbarramento missilistico e l’incitamento dei social media è Sheikh Jarrah, dove era prevista un’udienza in tribunale per una controversia legale di lunga durata. Questa era una questione privata tra ebrei che hanno un vecchio atto di proprietà del 1800 e gli abitanti di quattro case che hanno vissuto lì per decenni e non vogliono pagare l’affitto. È il tipo di situazione che dovrebbe essere gestita da un tribunale municipale locale. Questo potrebbe accadere in qualsiasi altro paese e non ci sarebbe interesse pubblico. Ma questa è Gerusalemme, quindi tutto va visto nel contesto della situazione politica. Ma ci si deve anche chiedere: chi può trarre vantaggio dalla violenza politica in questo momento?”.

Dopo che il premier palestinese Mahmoud Abbas ha annullato le tanto attese elezioni, Hamas ha semplicemente visto un’opportunità che non poteva lasciarsi sfuggire, sfruttando la situazione di Sheikh Jarrah e un ambiente già teso durante il santo giorno di Leylat Al Qadr e il giorno di Gerusalemme. Hamas sta attualmente conducendo una campagna sui social media in cui chiede ai palestinesi di incitare alla violenza durante le manifestazioni a Gerusalemme e altrove. Stanno incoraggiando i giovani palestinesi a buttare via le loro vite lanciando pietre e bombe improvvisate contro la polizia.

Le rivolte guidate da Hamas fuori dalla moschea di Al Aqsa dimostrano che la polizia israeliana non è colpevole dei pericoli che impediscono ai musulmani di pregare. Hamas ha incitato le folle e provocato la violenza con l’intenzione di incastrare Israele per la pulizia etnica. Proprio oggi, i provocatori hanno riempito diversi autobus per recarsi a Gerusalemme per partecipare alle rivolte “storiche” e rispondere all’appello di Hamas per incitare alla violenza.

Più significativamente, i leader di Hamas hanno ordinato il lancio di centinaia di razzi nella direzione generale delle principali città israeliane. Molti di loro lo hanno fatto comodamente dalle loro ville di lusso a Doha, Damasco o altrove, sapendo benissimo di essere al sicuro da qualsiasi contraccolpo. È importante ricordare che l’inclinazione di Hamas per l’omicidio è quasi pari alla sua incapace incompetenza, che è in parte la ragione per cui uno su tre dei loro razzi si schianta su Gaza, dove le uniche vittime possibili sono palestinesi. Apparentemente hanno anche bombardato Abu Ghosh, un antico villaggio arabo.

Questa disputa non riguarda in realtà quattro case a Gerusalemme est. Si tratta di Hamas che vede la possibilità di cogliere la narrativa e aumentare la propria influenza e controllo sui palestinesi a Gerusalemme. Non bevetevi le loro notizie false e non permettetegli di minimizzare la loro responsabilità. Nelle prossime ore, purtroppo, è assai probabile che sia ebrei che musulmani moriranno perché Hamas ha individuato nella violenza il suo vantaggio politico. Non dimenticatelo.

 

Menu