La scultura dell'Unione europea

Uno studio rivela: l’UE finanzia le Ong che processano i soldati israeliani

di Nathan Greppi
Domenica 17 giugno l’associazione israeliana NGO Monitor ha rilasciato un rapporto secondo il quale l’Unione Europea finanzia ONG israeliane di sinistra che portano avanti procedure legali contro i soldati israeliani. L’NGO Monitor, che promuove una maggiore trasparenza da parte delle ONG israeliane soprattutto per quanto riguarda i finanziamenti che ricevono dall’estero, sostiene che nel novembre 2017 l’UE ha approvato un contributo di quasi 270.000 euro alla ONG israeliana Yesh Din, intenzionata a citare in giudizio i soldati dell’IDF per violazioni dei diritti umani. Inoltre, nel progetto sono coinvolte anche le ONG Breaking The Silence e Medici per i Diritti Umani.

In un rapporto inviato alle Nazioni Unite, Yesh Din ha parlato di “una cultura dell’impunità (diffusa) tra i membri delle forze di sicurezza israeliane,” aggiungendo che la magistratura israeliana è incapace di indagare su azioni illegali dei soldati dell’IDF contro la popolazione palestinese in Cisgiordania. In particolare, essi hanno fatto una campagna mirata contro gli arresti preventivi e le irruzioni senza mandato nelle case dei palestinesi.

Come spiega l’EJ Press, se questo progetto avesse successo danneggerebbe molto Israele, poiché finora la comunità internazionale ha preso atto che in Israele la magistratura abbia piena autonomia: se però venisse stabilito che non è così, le cause contro i militari diventerebbero di competenza della Corte Penale Internazionale. A tal scopo, Yesh Din ha chiesto che ogni donna palestinese fosse fornita di una videocamera per filmare i soldati israeliani quando compiono degli arresti.

Tuttavia, la ONG omette il fatto che tali arresti sono parte delle operazioni di antiterrorismo portate avanti dall’IDF e dallo Shin Bet. Proprio il direttore dello Shin Bet, Nedav Argaman, ha recentemente dichiarato che dall’inizio dell’anno queste operazioni hanno sventato oltre 250 attentati terroristici.